L’ordinanza del ministro Speranza: “No all’allentamento delle misure sui treni”

Con un post su Facebook il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha annunciato di avere firmato un'ordinanza sulle misure a bordo dei treni.

Roberto Speranza (foto dalla pagina Facebook del ministro).

Con un post su Facebook il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha annunciato di avere firmato un’ordinanza che, di fatto, blocca quanto comunicato da Trenitalia e da altre aziende sulla volontà di far decadere le forme di distanziamento sociale portando i posti dei treni e dei mezzi di trasporto al 100% della loro capienza.

«È giusto che sui treni restino in vigore le regole di sicurezza applicate finora. Non possiamo permetterci di abbassare il livello di attenzione e cautela. Per questo ho firmato un’ordinanza che ribadisce che in tutti i luoghi chiusi, aperti al pubblico, compresi i mezzi di trasporto, e’ e resta obbligatorio sia il distanziamento di almeno un metro che l’obbligo delle mascherine. Questi sono i due principi essenziali che, assieme al lavaggio frequente delle mani, dobbiamo conservare nella fase di convivenza con il virus», ha scritto Speranza.

In un’intervista rilasciata a La Repubblica il consulente del ministero alla Salute Walter Ricciardi ha affermato: «L’idea di togliere il distanziamento dai Treni? È sbagliata. Proprio il distanziamento contribuisce alla sicurezza di questo mezzo di trasporto, che diventerebbe altrimenti insicuro».

LEGGI ANCHE: Migranti e coronavirus, il virologo Clementi contro le navi quarantena.