Lo strano caso di Taylor Muhl, la donna che si è ‘fusa’ con la sorella gemella

La donna soffre di un'anomalia molto rara nota come chimerismo tetragametico.

Taylor Muhl è una cantante che vive in California. La donna è famosa in tutto il mondo non per la sua musica, ma per un’altra cosa. Quale, di preciso? Il fatto di soffrire di una patologia genetica estremamente rara: il chimerismo tetragametico.

Una patologia che riguarda 100 persone nel mondo

La patologia di cui la Muhl soffre riguarda 100 persone in tutto il mondo. I pazienti che ne soffrono non hanno uno ma bensì due DNA. Si tratta di due genomi tra loro indipendenti e separati. Non solo: Taylor ha infatti rivelato di avere due sistemi immunitari e due apparati circolatori.

LEGGI ANCHE: Mamma per la prima volta: dà alla luce due gemelli e muore poche ore dopo

Le cause

Viene da chiedersi quali siano le cause di questa anomalia. Alla base di tutto c’è una disfunzione che si verifica nel corso della gestazione, per la precisione in fase di sviluppo dell’embrione umano. Nel caso delle gravidanze gemellari classiche, due ovociti separati possono essere fecondati da due spermatozoi differenti.

In questi frangenti, nascono i cosiddetti gemelli dizigotici. Può succedere però che, durante le primissime fasi di sviluppo, uno dei due embrioni assorba completamente l’altro. Cosa succede? Che nasce un essere umano con due differenti linee cellulari.

Nella maggior parte dei casi, le persone con chimerismo non lo sanno mai, in quanto questa condizione non viene diagnosticata. L’unico modo per scoprirlo è il ricorso a test specifici, come per esempio l’analisi del DNA.

Lo strano caso di Taylor

Il caso di Taylor è particolare anche perché la ragazza presenta alcune caratteristiche che possono far nascere il sospetto di questa anomalia. Quali, di preciso? In questo novero è possibile citare la pelle del busto divisa a metà per quanto riguarda la pigmentazione.

Se questa peculiarità non provoca problemi, altre invece sì.Taylor ha infatti rivelato che il suo corpo reagisce alle cellule del gemello come se fossero minacciose. Il risultato? Un sistema immunitario molto più debole del normale.

LEGGI ANCHE: Gravidanza gemellare: quali sono i sintomi?