Lo chiamano ‘uomo albero’: vuole che gli siano amputate le mani per non soffrire più

Il caso del 28enne Abul Bajandar, a cui è stata diagnosticata l'epidermodisplasia verruciforme.

0

Un giovane del Bangladesh è stato soprannominato ‘l’uomo albero’ per via di una massa simile a una corteccia che ha deformato le sue mani e ora sta implorando i medici affinché vengano amputate per alleviare il suo dolore.

Abul Bajandar, 28 anni, è stato già sottoposto a più di 20 operazioni ma senza ottenere un risultato soddisfacente, anzi le sue condizioni sono peggiorate.

Non sopporto più il dolore, non riesco a dormire la notte“, ha riferito Abul, padre di un bambino, all’Agence France Presse (AFP): “Ho chiesto ai medici di amputarmi le mani in modo da avere almeno un po’ di sollievo“.

Al 28enne è stata diagnosticata l’epidermodisplasia verruciforme (EV), che deriva dall’HPV cronica e porta allo sviluppo di lesioni cutanee polimorfe e al rischio aumentato di un cancro alla pelle. Non si conosce il numero esatto di pazienti colpiti da EV ma le segnalazioni, fino ad oggi, sono state in totale 200.

La condizione è incurabile ma il trattamento chirurgico è un’opzione per alcuni pazienti: ad Abul sono stati già rimossi cinque chilogrammi di massa durante la sua vita.

L’uomo, purtroppo, non è in grado di mangiare, bere autonomamente, di lavorare e di tenere in braccio il proprio figlio.

Il bengalese sta provando adesso a farsi curare all’estero ma non ha le risorse finanziarie necessarie.

Il suo caso sarà discusso, come riportato sul The Sun, dal consiglio dell’ospedale del Dhakam Medical College, che curò una ragazza con le stesse condizioni del 28enne nel 2017

Commenti