Le fave fanno bene alla salute?

Quando si parla delle fave, si inquadrano dei legumi ricchi di proprietà importanti. Scopriamo assieme quali e quando, invece, è bene evitarli.

Appartenenti alla famiglia delle Fabaceae, ricche di proteine e povere di calorie, le fave sono un legume molto popolare. Fanno bene o no alla salute? Nelle prossime righe, cerchiamo di rispondere assieme a questa domanda.

LEGGI ANCHE: La dieta chetogenica: per molti ma non per tutti

Fave: le proprietà

Quando si parla dei benefici delle fave, è il caso di citare non solo il loro importante apporto proteico, ma anche la presenza di alcuni amminoacidi cruciali per la salute e in particolare per la crescita dei muscoli (si tratta di preciso della lisina e dell’arginina).

Proseguendo con l’elenco delle proprietà delle fave, è il caso di ricordare anche la loro capacità di favorire la sazietà, peculiarità che le rende adatte ai regimi dietetici orientati al dimagrimento.

Inoltre, sempre grazie all’importante contenuto di fibre, le fave sono in grado di favorire la lotta contro la stitichezza, che può causare aumento di peso e fastidioso gonfiore addominale.

Da non dimenticare è anche il contenuto di vitamina C, portentosa contro i radicali liberi e capace di migliorare l’efficienza del sistema immunitario, per non parlare poi dei folati, fondamentali sia in gravidanza, sia quando si cerca un bambino per prevenire i danni al tubo neurale del nascituro.

Controindicazioni

La risposta alla domanda “le fave fanno bene alla salute?” è quindi affermativa. Non bisogna però dimenticare alcune controindicazioni. Tra queste, spicca senza dubbio il favismo. Questa problematica ha come conseguenza la distruzione dei globuli rossi e l’innescarsi di una condizione di anemia in chi la vive in prima persona.

LEGGI ANCHE: Vacanza, le vitamine indispensabili per ogni ‘viaggio’