Lavoro e vacanze: 5 consigli per disconnetterci quando siamo in ferie

Cosa fare per lasciarsi andare davvero e disconnettersi in vacanza? Ecco cinque consigli...

Quasi la metà dei dipendenti consulta la propria casella di posta professionale durante le vacanze, secondo un sondaggio pubblicato da TripAdvisor nella primavera del 2013.

A tal proposito, ecco qualche utile consiglio su come staccare dal lavoro quando si è in vacanza, come riportati su Femmeactuelle.fr.

Preparare il terreno

Per prima cosa, prepariamo il terreno. È fuori questione trovarsi il giorno prima di andare in vacanza in ufficio alle 18:00 perché abbiamo ancora alcune cose da sbrigare. Insomma, dobbiamo fare in modo di finire ogni compito in anticipo.

Poi, per quanto concerne le e-mail, mettiamo in stand-by la casella di posta professionale con una risposta automatica del tipo: “Sono in ferie, sarà mia cura risponderti appena ritornerò al lavoro“.

Delegare

Non possiamo credere che il mondo smetta di girare quando siamo in ferie. Nessuno è insostituibile. Bene, l’obiettivo non è quello di soffrire d’insonnia mentre siamo alle Seychelles. Pertanto, prima di partire, meglio delegare il delegabile.

Dire di no

Dire di no significa significa farsi valere. Anche noi abbiamo il diritto di staccare la spina. Se il datore di lavoro ci chiede di fare qualcosa mentre ci troviamo in spiaggia a Ibiza, dobbiamo dire no senza tentennamenti e senza rimorsi. Dobbiamo fuggire da ogni fonte di stress.

Passare alla modalità aereo

La parola d’ordine in vacanza è disconnessione. Smartphone, tablet e computer addio: optiamo per la disintossicazione digitale durante le vacanze. Certo, niente di drastico ma almeno proviamo a non portare i dispositivi elettronici ovunque ansiamo e impariamo ad alzare lo sguardo dai nostri schermi per goderci quello che ci circonda.

Pianificare un ritorno senza intoppi

Pianifichiamo il nostro ritorno in ufficio con un avvertimento: non facciamo l’errore di tornare la domenica e riprendere a lavorare il giorno dopo, altrimenti rischiamo di vanificare l’effetto relax delle vacanze. Magari torniamo qualche giorno prima e così avremo il tempo per prepararci al meglio alla routine lavorativa.