Integratori alimentari rischiosi: 64enne colpita da epatite acuta

Il caso di una donna di 64 anni è stato riportato su BMJ case reports. Ecco cos'ha causato il danno al suo fegato.

0
riso-rosso

Possono ridurre lo stress, migliorare il sonno, aiutare a perdere peso: gli integratori alimentari sono sempre più numerosi. Tuttavia, non sono esenti da rischi: negli Stati Uniti una donna di 64 anni ha sofferto di epatite acuta a causa del lievito di riso rosso che ha mangiato. La sua storia è stata riportata su BMJ case reports.

Monacolina K

Per sei settimane, questa donna ha consumato 1200 mg di lievito di riso rosso al giorno per diminuire livello del colesterolo. Questo integratore alimentare, infatti, è simile alle statine, il trattamento standard per abbassare tale livello. Prodotto con la medicina tradizionale cinese, il lievito di riso rosso è ottenuto dai funghi fermentati con il riso. Contiene la monacolina K, una statina naturale simile ai farmaci che abbassano il colesterolo.

Quando la donna è stata ricoverata in ospedale, come si apprende da PourquoiDocteur.fr, gli operatori sanitari hanno rilevato sintomi di epatotossicità, che mostrano la presenza di danno epatico. Per due settimane, la paziente ha sofferto di stanchezza e gonfiore. I medici hanno scoperto che aveva un esordio di ittero, feci più chiare e urine più scure. Oltre agli integratori alimentari, nulla potrebbe spiegare questi sintomi. Il trattamento con i corticosteroidi (glucocorticoidi) ha contribuito a trattare il problema.

I medici hanno scoperto che altri casi di intossicazione dopo il consumo di riso rosso fermentato sono già stati segnalati. Pertanto, suggeriscono una migliore regolamentazione della consegna di questi trattamenti alternativi.

Gli integratori alimentari non sono necessariamente più sicuri dei farmaci da prescrizione – hanno affermato – Medici e pazienti dovrebbero individuare potenziali effetti collaterali prima di usarli o consentirne l’uso“.