Ha forti dolori allo stomaco, in ospedale le scoprono un verme intestinale di 30 centimetri

È accaduto a una donna cinese di 41 anni. I dettagli di questo curioso caso clinico.

0

Una donna cinese di 41 anni, che è stata in ospedale più volte nel corso degli anni lamentandosi di dolori allo stomaco, ha avuto finalmente una diagnosi.

È stato, infatti, scoperto un verme parassita di 30 centimetri che viveva all’interno del suo apparato digerente.

Il verme indesiderato fa del genere Ascaris e rappresenta una delle cause più comune di infezioni da vermi intestinali negli esseri umani. Il più grande è l’Ascaris lumbricoides che può crescere fino a 35 centimetri di lunghezza.

Come riportato su Iflscience.com, i vermi si diffondono da persona a persona sotto forma di uova che si trovano nelle feci umane. La scarsa igiene e il consumo di frutta e verdura contaminati non lavati, non sbucciati o non cotti correttamente possono portare a un’infezione.

La donna in questione, la signora Yang, ha dovuto subire un intervento chirurgico per rimuovere il parassita dal suo intestino. Il suo dottore, Li Juan del Second People’s Hospital di Haining nella Cina orientale, ha anche sottoposto la famiglia della donna a cure ad hoc per intervenire anzitempo su potenziali infezioni da ascaridi.

Parlando con AsiaWire, il Dr. Li ha affermato: “Non potevo credere ai miei occhi. Il suo intestino ha fornito le condizioni ideali affinché il parassita crescesse“.

Oggi, tra 800 milioni e 1,2 miliardi di persone in tutto il mondo sono infettate dall’A. lumbricoides. Gli esseri umani possono anche essere infettati dall’Ascaris suum, un nematode noto per infettare i maiali.

Tuttavia, come nota la CDC (Centers for Disease Control and Prevention), i nematodi suini sono difficili da distinguere dai nematodi umani, quindi il numero di persone attualmente infette da A. suum non è noto. Coloro che allevano maiali o usano il letame di suino grezzo come fertilizzante hanno un rischio maggiore di diventare ospiti di questa particolare specie di parassiti.

Dal momento che l’obiettivo di un parassita è quello di mantenere vivo e funzionante il suo ospite in modo che possa sottrarre i suoi nutrienti, chi soffre di infezioni da Ascaris spesso non avverte sintomi.

Qualora i sintomi dovessero manifestarsi, questi sono: lievi disturbi addominali, febbre, respiro affannoso e vomito.

Se i sintomi si manifestano, possono andare da lievi disturbi addominali a febbre, respiro affannoso e vomito. Secondo il CDC, le infezioni ascariche più gravi possono portare ai blocchi intestinali e a una ridotta crescita nei bambini.

Per fortuna, la malattia è curabile con farmaci antielmintici come l’albendazolo e il mebendazolo e sono prevenibili con una buona igiene.

Infine, va ricordato che bisogna sempre lavarsi accuratamente le mani dopo aver toccato il suolo.

Commenti