Gli scienziati e i medici ce l’hanno con il principe Carlo (per una buona ragione)

Scienziati e medici critici contro la scelta del principe Carlo di partecipare a un convegno di omeopati.

0

All’inizio di questo mese, il principe Carlo – l’erede al trono britannico – è stato elogiato dagli scienziati per aver tentato di convincere Donald Trump ad agire sul cambiamento climatico.

Ora, però, è stato accusato di usare la sua posizione reale per promuovere consigli pseudomedici “pericolosamente fuorvianti” dopo essere diventato il ‘padrino’ di un gruppo di omeopati presso la Faculty of Homeopathy.

L’omeopatia opera su due principi pseudo-scientifici: “il simile cura il simile” e “la legge della dose minima“, ovvero più bassa è la dose, più efficace è. L’idea, inventata dal dottore tedesco Samuel Hahnemann negli anni 70, è che una condizione possa essere curata trattando un paziente con gli ingredienti che causano sintomi simili ma in dosi minuscole perché l’acqua ha una ‘memoria’ che ricorda i principi attivi anche se non ne resta nessuno in essa.

L’omeopatia è basata su antiche teorie del vitalismo, che asserisce che più una sostanza è diluita e più è curativa”, ha spiegato il dottor David Robert Grimes al Times. “È, tuttavia, completamente in disaccordo con la fisica moderna e chimica e manca di efficacia medica“, ha aggiunto.

Inoltre, come si legge su Iflscience.com, vale la pena notare che l’omeopatia non è un sinonimo della medicina complementare, che viene utilizzata insieme alle pratiche mediche standard (ma non è considerata allo stesso livello).

Quindi, gli scienziati e i medici sono stati molto critici nei confronti della decisione del principe Carlo e molti hanno applicato il principio omeopatico alle loro critiche per sottolinearne l’assurdità.

Numerosi studi e scienziati hanno, infatti, spesso rimarcato che non ci sono prove certe che l’omeopatia funzioni e la maggior parte ha sottolineato che se ci fossero prove che gli ingredienti utilizzati in omeopatia fossero efficaci nel trattamento delle condizioni, sarebbero stati incorporati nella medicina convenzionale: è così che funziona la medicina.

Bisogna notare, poi, che molti istituti sanitari e organismi governativi di livello mondiale – compreso il Servizio Sanitario Nazionale del Regno Unito e il Dipartimento della Salute del Canada – hanno dichiarato ufficialmente che attualmente non esista alcuna prova scientifica che l’omeopatia sia un trattamento efficace di qualsiasi condizione di salute.

È stato espresso anche disappunto per il fatto che il principe Carlo – che come futuro monarca sarà tenuto a mantenere private le proprie opinioni politiche – userebbe la sua popolarità per promuovere cause anti-scientifiche.

Commenti