Febbre frequente nei bambini: quando bisogna preoccuparsi?

Nella maggior parte dei casi, le febbri ripetute sono la manifestazione di una serie di infezioni virali e non richiedono ulteriori accertamenti.

La febbre è uno dei primi motivi per cui i genitori portano i propri bambini dal pediatra.

Tuttavia, la febbre in sé non è pericolosa a meno che non superi i 41 gradi. Al contrario, aiuta il sistema immunitario a combattere le infezioni. Ma quando la febbre capita troppo spesso, può, in rari casi, essere il segno di una malattia.

Febbre dopo l’asilo

Nella maggior parte dei casi, le febbri ripetute non sono preoccupanti. Sono spesso secondarie a una serie di infezioni virali (bronchite, rinino-faringite, tonsillite, otite media acuta, ecc.). Generalmente cominciano durante l’inverno, poco dopo che il bambino ‘entra’ in società e durano finché non si sviluppa un vero e proprio patrimonio di anticorpi.

Se un bambino ha vari episodi di febbre durante i mesi successivi al suo ingresso in un asilo nido e, allo stesso tempo, non c’è una perdita di peso significativa, la situazione potrebbe essere rivalutata in primavera da un pediatria per capire se siano necessarie analisi aggiuntive.

Quali segni premonitori?

Le febbri ripetute, però, potrebbero essere un segnale di avvertimento. Possono, pertanto, essere la manifestazione di un’immunodeficienza.

Ora, ci sono 10 segnali clinici di allarme che possono essere valutati con una semplice intervista. Sono stati stabiliti empiricamente e uno studio ha dimostrato che se il bambino non ha nessuno di questi segni, ha una probabilità dell’85% di non avere l’immunodeficienza. E, se ce n’è solo uno, il rischio è del 20%.

Se questo test dovesse risultare positivo, il medico potrebbe dover eseguire una valutazione immunitaria prelevando un campione di sangue.

Tra i 10 segnali utilizzati ci sono la storia familiare, infezioni gravi o atipiche (mughetto, micosi …) o troppo frequenti (più di 8 infezioni all’orecchio durante l’autunno e l’inverno nei bambini sotto i 4 anni, ad esempio) o una pausa nella curva di crescita-peso.

Va notato, inoltre, che le infezioni all’orecchio ripetitive non sono un segnale di pericolo di per sé. Inoltre, l’età in cui cominciano le febbri è importante. Se gli episodi iniziano molto presto, quando il bambino non è in contatto con gli altri, bisogna porsi delle domande. Mentre se i sintomi cominciano 6 mesi dopo essere entrati in asilo, è molto meno preoccupante.