Emicrania: cause, sintomi e trattamento

L'emicrania, secondo l'OMS, è tra le patologie più invalidanti al mondo. Scopriamo cosa la causa e come trattarla.

L’emicrania è una condizione neurologica che si contraddistingue per l’insorgenza di un forte dolore alla testa. In generale, le crisi di mal di testa possono durare diversi giorni, mediamente 3 o 4.

Nelle prossime righe, vediamo assieme qualche informazione preziosa sull’emicrania e su come trattarla.

Emicrania: diamo qualche numero

L’emicrania riguarda l’11% circa della popolazione adulta. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, questa problematica è al decimo posto tra le patologie più invalidanti al mondo, a prescindere dal sesso di chi la vive in prima persona.

LEGGI ANCHE: Diverticolosi: cos’è, sintomi, cause, trattamento

Sintomi

Il principale sintomo di un attacco di emicrania è l’insorgenza di mal di testa. Il dolore si presenta sotto forma di pulsazioni e, solitamente, coinvolge il lato della testa. Nella maggior parte dei casi, il dolore alla testa è accompagnato da fotofobia, ossia intolleranza alla luce. Fondamentale è ricordare altresì il sintomo della fonofobia, ossia l’intolleranza al rumore.

In alcuni casi, chi soffre di emicrania può avere a che fare anche con sintomi gastrici, come per esempio la nausea e il vomito. Quando si parla degli attacchi di emicrania, è importante specificare che possono dare un segnale del loro arrivo.

In questi casi, si parla di emicrania con aura, ma anche di emicrania oftalmica. Tornando all’aura, ricordiamo che può manifestarsi anche con l’insorgenza di momentanei disturbi del linguaggio.

Cause

L’emicrania è il frutto di diverse reazioni a catena che coinvolgono il sistema nervoso, provocando un’infiammazione dei neuroni e una dilatazione dei vasi ematici cerebrali, peculiarità che si riflette sulla salute provocando convulsioni. Nella maggior parte dei casi, l’emicrania è una malattia ereditaria.

Esistono diversi fattori che possono contribuire all’insorgenza di emicrania. Ecco i principali:

  • Stress dovuto a improvvisi cambiamenti di abitudini
  • Cambiamento del meteo
  • Cambiamenti legati agli ormoni (p.e. il ciclo mestruale della donna)
  • Assunzione di alimenti ricchi di caffeina, cioccolato o alcol
  • Rumori forti

Come affrontarlo

Per affrontare l’emicrania, si può ricorrere a farmaci analgesici o agli antinfiammatori non steroidei. Per alleviare il dolore, è utile vivere i minuti dell’attacco in una situazione di tranquillità, sistemandosi in una stanza buia e possibilmente silenziosa.

LEGGI ANCHE: Perché lo stress fa venire la barba bianca