Dopo 27 anni di coma una donna ha ripreso conoscenza

Un caso eccezionale: in un ospedale tedesco una donna si è svegliata dopo 27 anni di coma profondo.

0
donna in coma

I medici pensavano che non avrebbe mai più riaperto gli occhi. Eppure Munira Adbulla si è svegliata dopo 27 anni di coma. “Non ho mai mollato perché ho sempre pensato che si sarebbe svegliata un giorno“, ha raccontato il figlio Omar Webair.

La straordinaria storia di questa donna di Abu Dhabi è stata raccontata in un giornale degli Emirati, The National, pubblicato il 22 aprile scorso.

Nel 1991, mentre stava accompagnando il figlio di 4 anni, Munira Abdulla subì un grave incidente automobilistico. Protetto dalle braccia della madre, il giovane Omar rimase illeso ma la donna subì un grave danno al cervello.

Una volta condotta in ospedale, la donna fu trasferita a Londra, dove i medici le diagnosticarono uno stato minimo di coscienza. A differenza dello stato vegetativo, la paziente, nel corso degli anni, è stata consapevole della situazione e ha potuto comunicare con l’ambiente circostante tramite gli stimoli visivi e i movimenti delle mani e delle labbra.

Trasferita all’ospedale della sua città natale ad Al Ain, Munira Abdulla ha ricevuto continuamente le visite del figlio al suo capezzale e, nel 2017, allertato dalla situazione familiare, il governo degli Emirati Arabi Uniti ha concesso un’indennità.

Grazie a questo aiuto, la paziente è stata ricoverata in un ospedale vicino a Monaco (Germania), dove è stata sottoposta a un programma ad hoc, a diversi trattamenti e a operazioni per rafforzare i muscoli e controllare l’epilessia.

Il nostro obiettivo principale era quello di dare alla sua fragile coscienza l’opportunità di crescere e prosperare in un corpo sano, come una pianta delicata che ha bisogno di un terreno buono“, ha spiegato il neurologo Ahmad Ryll, intervistato da The National.

Ventisei anni dopo il suo incidente, i medici nutrivano poche speranze sulla possibilità che riprendesse conoscenza.

Ho detto ai medici che mi aspettavo che riprendesse a parlare. Mi hanno risposto che la stavano riabilitando per migliorare la qualità della vita“, ha detto Omar Webair.

Tuttavia, dopo che è scoppiata una rissa nella stanza d’ospedale della donna, il figlio ha visto che si era mossa: “Ha fatto strani rumori così ha chiamato i medici per esaminarli… Mi hanno detto che era tutto normale“, ha raccontato.

Tre giorni dopo, l’uomo, oggi 32enne, ha sentito di nuovo la voce di sua madre: “Era lei, ha chiamato il mio nome. Ero felicissimo. Per anni ho sognato quel momento e ha pronunciato per primo il mio nome. Quasi sessantenne, Munira Abdulla è adesso più ricettiva. Può comunicare il suo dolore intromettersi nelle conversazioni che la interessano. La sua situazione è eccezionale. Pochi coma hanno superato le due o le quattro settimane“.

Commenti