Dolore al coccige (coccigodinia): cause, sintomi e trattamento

Il dolore al coccige può essere cronico tanto da comportare una vita invalidante. Bisogna intervenire tramite diversi tipi di trattamento. Vediamo quali.

Il coccige è l’ultimo tratto della colonna vertebrale e può essere la sede del dolore soprattutto quando si è a contatto con una superficie. Generalmente la sintomatologia compare in seguito ad un trauma (come una caduta all’indietro) o un’infiammazione ma non solo. Scopriamo di più.

Dolore al coccige o coccigodinia

Il dolore al coccige è acuto ed è il sintomo distintivo della coccigodinia, dopodiché il sintomo diventerà cronico. Non è da sottovalutare perché il fastidio può essere invalidante a tal punto da dover utilizzare una ‘ciambella’ per trovare sollievo quando si è seduti. Esattamente, la posizione seduta può intensificare il dolore.

La coccigodinia – come accennato – è spesso causata da un trauma da caduta sulla regione glutea, l’impatto può essere forte tanto da lasciare un ecchimosi (livido) o comportare una frattura al coccige se non una sublussazione.

Può succedere a chi pratica alcuni sport come l’equitazione o il pattinaggio sul ghiaccio. Insomma, attività in cui è maggiore la possibilità di un impatto sul coccige.

Tuttavia, in assenza di un trauma, il dolore al coccige si può avvertire quando ci sono problemi posturali dati da una conformazione fisiologica dell’osso sacro in posizione orizzontale.

L’incidenza è maggiore nelle donne perché la pelvi femminile permette un’esposizione maggiore del coccige che è più ‘superficiale’. Ma anche un’infiammazione può esserne la causa.

La coccigodinia può risolversi spontaneamente ma ripresentarsi dopo anni.

È possibile porre diagnosi tramite la digitopressione che rende noto il dolore, tuttavia è opportuno sottoporsi ad alcuni esami strumentali quali la risonanza magnetica (si ricerca la causa), un radiogramma delle vertebre del coccige in stazione eretta e in posizione seduta (si valuta la conformazione del coccige).

Esistono diversi tipi di trattamento:

  • osteopatia (lo specialista effettua delle manovre sul rachide e le ossa del bacino);
  • farmaci antinfiammatori;
  • onde d’urto per eliminare l’infiammazione;
  • laserterapia;
  • fisioterapia.

Quelli elencati sono trattamenti medico-conservativi di prima scelta. Se il dolore al coccige non si risolve, bisogna optare per la terapia chirurgica.