Dobbiamo davvero bere un litro e mezzo d’acqua al giorno?

Si dice che dovremmo bere almeno 1 litro e mezzo d'acqua al giorno o circa 8 bicchieri da 200 ml. Ma è davvero così?

Si dice che dovremmo bere almeno 1 litro e mezzo d’acqua al giorno o circa 8 bicchieri da 200 ml, anche se non abbiamo sete. Si tratta di un’osservazione che si basa sul principio che eliminiamo circa due litri di acqua al giorno, attraverso l’urina, il sudore e la respirazione. Tenendo conto degli alimenti che forniscono circa 0,5 litri di acqua, il nostro fabbisogno giornaliero ammonterebbe, quindi, a 1,5 litri.

Tuttavia, come riportato su Futura-Sciences.com, si tratta di una media non corretta. Innanzitutto, perché i bisogni sono molto variabili a seconda della corporatura dell’individuo, della sua età, della sua attività fisica, della temperatura esterna o del cibo ingerito.

Una persona magra e bassa ha bisogni inferiori rispetto a una persona più grossa. In Francia, le raccomandazioni nutrizionali raccomandano di bere 30 ml per chilo di peso corporeo (oltre all’acqua contenuta nel cibo), più 0,5 litri di acqua aggiuntiva per ogni grado superiore a 38 °C. Anche questa regola, però, va presa con le pinze.

Perché il nostro corpo è, infatti, in grado di adattarsi all’assunzione di acqua, grazie ai reni che regolano la quantità di urina prodotta e la sua concentrazione di sali minerali (sodio, potassio, calcio …). Quando le perdite d’acqua sono maggiori dell’assunzione, l’osmolarità plasmatica diminuisce e i reni trattengono l’acqua naturalmente. Un segnale di sete viene, quindi, attivato dalla stimolazione dei centri della sete situati nell’ipotalamo.

Anche bere in eccesso può essere pericoloso. È necessario ingerire più di 10 litri di acqua al giorno, soglia raggiunta raramente, per generare conseguenze dannose sulla salute. Ma un consumo eccessivo può anche causare problemi di sonno, perché costringe ad alzarsi spesso la notte per andare in bagno.

Al contrario, la disidratazione può portare a gravi problemi: vertigini, mal di testa, calo della pressione sanguigna, disturbi cognitivi o persino perdita di coscienza. Al di là di una perdita di acqua del 10%, la disidratazione può anche essere fatale. Bere abbastanza aiuta anche a prevenire i calcoli renali, le infezioni del tratto urinario e la stitichezza.

In conclusione, la quantità d’acqua giusta è quella di cui avvertiamo il bisogno. Inoltre, il segnale della sete viene attivato in particolare durante i pasti. Bisogna, poi, bere abbastanza quando siamo a dieta.

LEGGI ANCHE: Anche in inverno si corre il rischio della disidratazione, ecco perché