11 segni che indicano che i reni non funzionano bene

Ci sono 11 segni che indicano che i tuoi reni non stanno funzionando correttamente, conoscili.

mal di reni
  • Quando i reni non funzionano bene si può incorrere in un’insufficienza renale (i reni non riescono più a svolgere le loro essenziali funzioni) che può essere di tipo acuta o cronica.
  • Sono 11 i segni distintivi che il corpo t’invia segnalando un malfunzionamento renale. Alcuni di questi potrebbero appartenere anche ad altre condizioni patologiche, tuttavia, altri segni evidenziano proprio una sofferenza renale.
  • Ci sono dei fattori di rischio che predispongono ad un’insufficienza renale, conoscerli è bene per sottoporsi annualmente a dei controlli: gli esami del sangue restano l’unico modo per accertarsi della presenza di malattie renali.

Ci sono 11 segni che indicano che i tuoi reni non stanno funzionando correttamente, conoscili.

Reni che non funzionano bene: un’insufficienza renale?

Si è continuamente bombardati da messaggi esterni a noi durante la vita quotidiana tali da non consentirci di fermarci a sentire il nostro corpo e cosa ha da dirci. Forse è arrivato il momento di ascoltarci per capire se sono presenti quegli 11 segni che indicano che i reni non stanno funzionando bene.

Potrebbe trattarsi di un’insufficienza renale, condizione in cui i reni non riescono più a svolgere la funzione di regolazione dell’equilibrio idrico e salino con l’eliminazione di acidi e scorie dal corpo.

Questa può essere di tipo acuta (si sviluppa rapidamente e può essere letale) e cronica (si sviluppa nel corso del tempo).

Tra gli 11 sintomi troverai quelli che possono essere attribuiti ad altre condizioni e quelle che sono espressamente il campanello d’allarme di una condizione patologica renale.

Gli 11 segni distintivi

1. Stanchezza. Questa è data da un accumulo di tossine nel sangue, causando inoltre astenia, debolezza e mancanza di concentrazione. Potrebbe essere anche un sintomo di anemia, una complicanza della malattia renale.

2. Difficoltà a dormire. Il problema è dato sempre dalla presenza delle tossine che non vengono espulse tramite l’urina e che continuano a circolare nel sangue; è importante avere un sonno regolare per non far degenerare la funzionalità renale.

Se si tratta di una malattia renale cronica non sarà difficile riscontrare durante il sonno l’apnea notturna (un arresto della respirazione durante il sonno della durata di almeno 10 secondi o superiore).

3. Pelle secca e prurito. L’equilibrio di minerali e sostanze nutritive nel sangue non è più mantenuto dai reni, ricordando che questa è una funzione essenziale dei reni.

4. Necessità di urinare più spesso e presenza di emazie. Forse non eri il tipo di persona che andava continuamente ad urinare, invece adesso sì, soprattutto di notte. In questo caso è bene controllare se vi è la presenza di emazie nelle urine: quando i reni sono sani durante il processo di filtrazione il sangue non viene fatto oltrepassare, se danneggiati sì, aumentando anche il bisogno di urinare.

5. Urina schiumosa. Questo tipo di urina segnala la presenza di proteine (proteinuria), si possono notare delle bolle.

6. Gonfiore intorno agli occhi. Se vi è una perdita di proteine nelle urine vuol dire che il sistema di filtrazione renale è danneggiato (così come quando vi è presenza di emazie). Ed il gonfiore intorno agli occhi indicata che la quantità di proteine perse è alta.

7. Mancanza di appetito. La causa potrebbe essere imputata alle tossine che circolano nel sangue.

8. Crampi muscolari. Uno squilibrio idroelettrolitico si verifica quando gli ioni non rientrano tra i valori normali. Nello specifico, gli elettroliti sodio, potassio e magnesio, hanno la funzione di regolare le funzioni nervose e muscolari, oltre a mantenere il regolare equilibrio acido-base e l’equilibrio idrico

9. Soffri di alitosi e percepisci il gusto metallico nei cibi. Abbiamo parlato tanto dei rifiuti che si accumulano nel sangue, quando questo avviene, anche il gusto del cibo cambia lasciando un sapore metallico in bocca.

Così come l’alitosi: un segno degli elevati livelli di tossine che circolano nel sangue. Il tuo peso potrebbe essere anche compromesso: hai perso il gusto nel mangiare.

10. Difficoltà nel respiro. Avevamo parlato di anemia, ricordi? Ecco, questa priva il corpo di ossigeno e quindi diminuisce la funzionalità respiratoria. Ma non è l’unica causa, in caso di malfunzionamento renale il fluido extra del corpo si sposta nei polmoni aggravando la condizione respiratoria.

11. Le tue caviglie, i piedi e le mani sono gonfie. Quando i reni non funzionano bene il liquido extra del corpo non viene drenato comportando una ritenzione di sodio che provoca i sintomi descritti.

I fattori di rischio e prevenzione

A far incorrere ad una possibile insufficienza renale possono essere dei fattori di rischio quali ipertensione (la pressione alta), il diabete, un’età superiore ai 60 anni, una pregressa storia familiare d’insufficienza renale.

Se presenti questi fattori di rischio dovresti eseguire una volta l’anno i test di laboratorio specifici per evidenziare malfunzionamenti renali (insufficienza renale acuta o cronica).

Eseguire gli esami del sangue resta l’unico modo certo per scoprire se si hanno malattie renali.

LEGGI ANCHE: Cosa fare per vivere fino a 100 anni? I consigli dal Giappone.