Dieta iposodica, cos’è e a cosa serve?

Con il termine “dieta iposodica” si indica un regime alimentare a basso contenuto di sale. Scopriamo in questo articolo cos’è e a cosa serve.

L’eccesso di sale nella dieta occidentale

La dieta iposodica consiste in un regime alimentare a basso contenuto di sodio. Quest’ultimo è un minerale che è possibile rintracciare in alte quantità nei cibi che consumiamo quotidianamente.

La dieta occidentale, infatti, è ricca di sale e allo stesso tempo risulta povera di altre tipologie di minerali (come, ad esempio, ferro e magnesio).

L’alimentazione ha un ruolo fondamentale per il benessere del nostro organismo e per questo motivo è importante mantenere uno stile alimentare equilibrato.

L’eccesso di sale caratteristico della nostra dieta, ad esempio, può aumentare il rischio di insorgenza di problemi e malattie cardiovascolari.

Infatti, questo eccesso è correlato all’ipertensione arteriosa ma anche ad altre manifestazioni, come la ritenzione idrica o problematiche a livello renale.

La dieta iposodica: cos’è?

L’obiettivo della dieta iposodica è quello di equilibrare e mantenere limitato il consumo di sodio giornaliero.

Per fare questo, bisogna tenere conto del cosiddetto sodio discrezionale e del sodio non discrezionale. Il primo è quello che noi aggiungiamo alle nostre pietanze, mentre il secondo riguarda il sodio già contenuto all’interno degli alimenti che consumiamo.

Il Ministero della Salute ha rilasciato alcune raccomandazioni per diminuire il nostro consumo di sodio:

• Leggere attentamente l’etichetta nutrizionale per scegliere prodotti a basso contenuto di sale, cioè inferiore a 0.3 grammi per 100 g, corrispondenti a 0.12 g di sodio
• Non mettere sulla tavola sale o salse salate
• Diminuire l’utilizzo di sale aggiunto in cucina e preferire il sodio iodato
• Limitare l’uso di altri condimenti salati
• Evitare l’aggiunta di sale nelle pappe dei bambini, almeno per il primo anno di vita
• Ridurre il consumo di alimenti trasformati ricchi di sale
• Scolare e risciacquare verdure e legumi in scatola prima di consumarli

Se volete restare aggiornati, seguiteci su Facebook cliccando qui!

LEGGI ANCHE: 3 domande che dobbiamo fare al medico durante una visita.