Covid-19, no alla mascherina a scuola da settembre, le nuove indicazioni

L'Istituto Superiore di Sanità ha messo a punto le nuove indicazioni su come gestire il Covid-19 a scuola da settembre.

Photo by Ben Wicks on Unsplash

In classe solo senza sintomi né febbre e solo con test negativo, rispettando le regole di igiene. Mascherina (FFP2) solo per il personale scolastico e gli studenti fragili, ovvero a rischio di sviluppare forme severe di Covid.

Sono queste alcune delle indicazioni strategiche per il ritorno a scuola a settembre, contenute in un documento – che riguarda le scuole del primo e del secondo ciclo di istruzione – messo a punto dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) con i ministeri della Salute e dell’Istruzione, insieme alla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

Si tratta di misure standard di prevenzione per l’inizio dell’anno scolastico che tengono conto del quadro attuale, mentre sono presenti anche ulteriori interventi da modulare progressivamente in base alla valutazione del rischio e al possibile cambiamento del quadro epidemiologico.

Un doppio ‘livello’, dunque, che “consente al sistema un’adeguata preparazione e un’attivazione rapida delle misure al bisogno”.

Entro pochi giorni sarà pubblicato un documento apposito con le indicazioni per le scuole dell’infanzia. Tra le misure di base anche la sanificazione ordinaria (periodica) e straordinaria in presenza di uno o più casi confermati; strumenti per gestione casi sospetti/confermati e contatti; ricambi d’aria frequenti.

Per quanto riguarda le eventuali altre misure da implementare (singolarmente o in combinazione) se dovesse mutare il quadro epidemiologico, si fa riferimento a:

  • distanziamento di almeno 1 metro (ove le condizioni logistiche e strutturali lo consentano);
  • precauzioni nei momenti a rischio di aggregazione;
  • aumento frequenza sanificazione periodica;
  • gestione di attività extracurriculari, laboratori, garantendo l’attuazione di misure di prevenzione;
  • mascherine chirurgiche, o FFP2, in posizione statica e/o dinamica (da modulare nei diversi contesti e fasi della presenza scolastica);
  • concessione palestre/locali a terzi con obbligo di sanificazione;
  • somministrazione dei pasti nelle mense con turnazione; – consumo delle merende al banco.

Fonte: Dire.

LEGGI ANCHE: Bassetti: “Covid-19 diventerà una delle molte cause di morte”