Covid-19, “variante Epsilon dà problemi ai vaccini attuali”

Un nuovo studio ha scoperto che i vaccini anti Covid-19 possono essere in qualche modo vulnerabili al ceppo di coronavirus della California Epsilon.

La variante ha tre mutazioni proteiche spike che utilizza per indebolire i vaccini attuali fino al 70%, secondo i ricercatori dell’Università di Washington e del laboratorio Vir Biotechnology di San Francisco.

Le mutazioni del ceppo abbattono gli anticorpi neutralizzanti, prodotti dai vaccini come Pfizer e Moderna e proteggono dalle infezioni, secondo lo studio, pubblicato sulla rivista Science il 1 luglio.

Secondo il rapporto, le mutazioni spike potrebbero anche essere in grado di eludere gli anticorpi prodotti naturalmente dopo che una persona è stata infettata dal coronavirus.

L’efficacia dei vaccini attuali potrebbe essere ridotta dal 50 al 70 percento contro il ceppo, che è stato riscontrato per la prima volta nel maggio 2020, sempre secondo lo studio.

I ricercatori, nel dettaglio, hanno scoperto che la mutazione ha indebolito 14 su 34 degli anticorpi neutralizzanti sicuri per il vaccino.

Complessivamente, circa il 97 percento dei 49.221 casi della variante – noti anche come ceppi B.1.427 e B.1.429 – segnalati in tutto il mondo sono stati negli USA, con oltre la metà in California.

Nel frattempo, il ceppo Delta, che è stato rilevato per la prima volta in India, è diventato il ceppo di coronavirus più dominante nel mondo.