Covid-19, quanti morti ha evitato il lockdown in Europa?

A fornire dati ci ha pensato uno studio condotto presso l'Imperial College.

Il lockdown disposto per tenere sotto controllo i contagi da Coronavirus ha evitato, almeno in Europa, 3 milioni di morti. A rivelarlo è un recente studio britannico condotto da alcuni ricercatori dell’Imperial College di Londra.

I dettagli dello studio

Secondo il lavoro di ricerca sopra citato, le morti evitate grazie al lockdown sarebbero circa 3,1 milioni. Gli esperti che hanno raggiunto questa conclusione si sono concentrati sui dati di 11 Paesi del Vecchio Continente. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulle pagine della rivista Nature lo scorso 8 giugno.

I ricercatori, che hanno deciso di monitorare gli effetti delle misure di contenimento in virtù del loro impatto economico e sociale, hanno monitorato il numero di decessi attingendo dalle banche del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie.

Hanno confrontato questi numeri con quelli che, secondo i risultati di un modello matematico, si sarebbero concretizzati senza alcun contenimento. Cosa hanno scoperto? Non solo che il numero di morti sarebbe stato notevolmente superiore, ma anche che, sempre grazie al contenimento, è stato abbassato l’indice Rt.

LEGGI ANCHE: Covid-19, Sileri critica i dati giornalieri: “Così non servono”

La situazione attuale in Europa e nel resto del mondo

Oggi come oggi, la situazione relativa ai contagi da Coronavirus sta migliorando in Europa. Diverso, però, è il caso del resto del mondo. Come evidenziato nel corso di una conferenza stampa dal direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus, negli ultimi 10 giorni sono stati segnalati 100.000 nuovi casi.

Tra questi, il 75% circa proviene da Paesi situati nel continente americano e nell’Asia meridionale. A detta del direttore generale dell’OMS, la minaccia più grande ora è la disattenzione, con tante persone al mondo ancora suscettibili alle infezioni.

LEGGI ANCHE: Lo Palco: “Stiamo assistendo all’aumento degli asintomatici”