Covid-19, Lopalco: “Casi in Puglia sono l’innesco della seconda ondata”

Così su Facebook l'epidemiologo Pierluigi Lopalco, capo della task force regionale pugliese per l'emergenza Coronavirus.

«Penso che i casi registrati fra luglio e agosto» in Puglia «rappresentino l’innesco di una seconda ondata. Lo stesso innesco che a febbraio, semplicemente, non abbiamo rilevato e che poi ha provocato la grande ondata».

Così su Facebook l’epidemiologo Pierluigi Lopalco, capo della task force regionale pugliese per l’emergenza Coronavirus.

«I casi che registriamo oggi sono di età più giovane e di gravità mediamente molto piu’ lieve dei casi di febbraio – ha aggiunto l’esperto -. Sono dunque quei casi che a quel tempo non erano per nulla intercettati dal sistema di sorveglianza. In definitiva, le onde di oggi sono quelle di una mareggiata. Se siamo bravi a contenerle, probabilmente non svilupperanno lo tsunami».

La Regione Puglia, nel consueto bollettino sull’emergenza, ha reso noto che oggi sono stati registrati 1.746 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 16 casi positivi: 5 in provincia di Bari, 1 in provincia di Bat, 1 in provincia di Brindisi, 3 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Lecce, 5 di residenza non nota. Non sono stati registrati decessi.

LEGGI ANCHE: Quattro cose da non fare quando si sente caldo.