Covid-19, in Germania finirà nei campi profughi chi viola la quarantena

I tedeschi che si rifiutano di mettersi in quarantena dopo essere stati esposti al Covid-19 saranno trattenuti nei centri di detenzione.

I tedeschi che si rifiutano di mettersi in quarantena dopo essere stati esposti al Covid-19 saranno trattenuti nei centri di detenzione secondo le nuove regole predisposte dalle autorità regionali. Ne dà notizia il Daily Mail.

Lo stato orientale della Sassonia ha confermato i piani per tenere chi non è in quarantena in una sezione recintata di un campo che dovrebbe essere costruito la prossima settimana.

Lo stato regionale ha affermato che la struttura sarà utilizzata solo per le persone che hanno ripetutamente infranto le regole dell’autoisolamento.

Il Baden-Württemberg, nel sud-ovest della Germania, utilizzerà due stanze d’ospedale per bloccare i recidivi che saranno sorvegliati dalla polizia.

Nel Brandeburgo, le autorità useranno una sezione di un centro per rifugiati, mentre lo Schleswig-Holstein utilizzerà un’area all’interno di un centro di detenzione minorile.

Esperti legali hanno detto a Die Welt che i governi statali hanno il potere di trattenere persone per avere violato le regole di quarantena ai sensi del Disease Protection Act, approvato dal Bundestag tedesco lo scorso marzo e rinnovato a novembre.

Il piano è stato ampiamente criticato, con la deputata dell’AfD Joana Cotar che ha accusato il governo della Sassonia di «leggere troppo Orwell».

LEGGI ANCHE: “Il coronavirus resterà per sempre con noi” ma c’è una buona notizia.