Covid-19, Bassetti: “Sì al coprifuoco a Milano, Genova e Roma”

Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova, ha fatto il punto della situazione sul Covid-19.

Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e componente della task force Covid-19 della Regione Liguria, intervistato da Adnkronos Salute, ha affermato: «L’ipotesi del coprifuoco dopo le 22 potrebbe essere una soluzione alternativa al lockdown, ma solo in alcune situazioni e non su base nazionale. Penso a Milano, all’area di Genova, a Roma e anche nel Lazio. Sicuramente potrebbe essere uno strumento per limitare la circolazione notturna, quando è più difficile il controllo del territorio e c’è anche più leggerezza nei comportamenti da rispettare».

Bassetti ha aggiunto: «Va fatto qualcosa, la situazione epidemiologica è rapidamente peggiorata e non ci aspettavamo di vedere numeri così importanti così presto. È stata anticipata la previsione dei casi di 3-4 settimane con una brusca accelerazione».

LEGGI ANCHE: Massimo Galli: “Siamo nella peste, fra 15 giorni in Italia come la Francia”

Bassetti ha anche lanciato uno stoccata a chi non rispetta le misure anti Covid-19: «Vedo troppi atteggiamenti lassisti in giro rispetto alle misure da tenere. Gente che non indossa la mascherina o la tiene giù. Tutti devono remare dalla stessa parte, non è possibile che si pensi che questo virus sia il problema sempre di quello vicino a noi».

E ancora: «Ora è il momento in cui essere più duri: c’è un incremento significativo dei contagi e delle ospedalizzazioni che possono creare un problema di tenuta del Ssn. Siamo lontani dai numeri di marzo e aprile, ma dobbiamo fare qualcosa. I cittadini e le istituzioni devono allearsi, non perdiamo altro tempo».

LEGGI ANCHE: Il vaccino cinese anti Covid-19 è stato confermato sicuro.