Cosa succede agli ormoni femminili dopo i 40 anni

Dopo i 40 anni il corpo di una donna si sta preparando alla menopausa e gli ormoni cominciano ad 'agitarsi'. Ecco cosa è meglio sapere.

0
donna-triste

Ogni donna sa quanto possano essere influenti gli ormoni: già da giovani si cominciano a sperimentari i primi sbalzi d’umore con l’arrivo della prima mestruazione. Durante la gravidanza, poi, l’umore è come un’altalena, anzi come un ottovolante.

E dopo i 40 anni, quando il corpo sta già lentamente cominciando a prepararsi per la menopausa, gli ormoni agiscono di nuovo, arrecando un certo disagio. Ecco cosa succede:

  • Il metabolismo rallenta;
  • La libido diminuisce;
  • La massa muscolare diminuisce;
  • La densità ossea diminuisce;
  • Suscettibilità allo stress e aumento della depressione.

È essenziale capire che questi sintomi non compaiono tutti in una volta. Tali noiose trasformazioni avvengono gradualmente.

Cosa succede agli ormoni?

Estrogeni

È l’ormone femminile più importante, responsabile del ciclo mestruale, dello sviluppo degli organi riproduttivi e della formazione delle caratteristiche sessuali esterne. Quando le donne dopo i 40 avvertono i primi problemi con le mestruazioni (interruzioni, ritardi), ciò è associato a una diminuzione degli estrogeni.

Cortisolo

Al contrario, la crescita dell’ormone dello stress rende una donna più soggetta a scoppi emotivi (depressione, panico). Il suo aumento porta anche a un aumento dei livelli di zucchero nel sangue.

Melatonina

Questo ormone prevalentemente maschile è responsabile della passione, quindi la sua diminuzione può portare ad una diminuzione della libido e dell’obesità addominale. Si può provare debolezza ed elasticità vascolare.

Ogni donna sopra i 40 anni dovrebbe essere pronta ad affrontare gli ostacoli creati dagli ormoni. Ed è consigliato consultare un ginecologo per chiedere consigli su come affrontare i vari sintomi.