Cortisone: quali sono gli effetti collaterali e le avvertenze?

Il cortisone viene utilizzato per svariate problematiche ma - a lungo termine - può dare degli importanti effetti collaterali, vediamoli insieme.

  • I cortisonici sono farmaci antinfiammatori e immunosoppressori
  • Le indicazioni terapeutiche sono vaste: asma, gravi allergie, ecc.
  • Sono presenti degli effetti collaterali e delle avvertenze utili da conoscere

Il cortisone viene utilizzato per svariate problematiche ma – a lungo termine – può dare degli importanti effetti collaterali, vediamoli insieme.

Il cortisone, come si usa e quali sono gli effetti collaterali

Il cortisone è un medicinale molto utilizzato per differenti patologie come l’asma, le gravi allergie, condizioni infiammatorie croniche ed altre e sicuramente ne avrete conservato una confezione nel vostro armadietto dei farmaci per le emergenze.

In generale, i cortisonici sono farmaci antinfiammatori e immunosoppressori, per quanto possa essere noto il loro utilizzo in forma farmaceutica, il cortisone è un ormone prodotto naturalmente dal nostro corpo e rilasciato nel sangue dalle ghiandole surrenali durante momenti di stress.

Le indicazioni terapeutiche sono piuttosto vaste tra i quali rientrano:

  • artriti.
  • Dolori ed infiammazioni articolari.
  • Dermatiti.
  • Reazioni allergiche.
  • Asma.
  • Rinite.
  • Lupus eritematoso sistemico.
  • Epatite cronica autoimmune.
  • Malattie infiammatorie intestinali.

L’utilizzo del cortisone riduce il sintomo della malattia ma non la causa, per questo motivo risulta essere un palliativo ed è possibile acquistarlo in farmacia dopo presentazione della ricetta medica: il cortisone si trova in formato di compresse contenenti cortisone acetato da 25 mg (Cortone) ma sono disponibili anche creme, pomate, colliri.

Quando non bisogna assumerlo?

L’uso del cortisone è controindicato in coloro che soffrono di:

  • tubercolosi.
  • Ulcera gastro-duodenale.
  • Psicosi.
  • Infezioni micotiche sistemiche.
  • Herpes oculare simplex.
  • Anastomosi intestinali recenti o che manifestino una ipersensibilità a questo farmaco.

Quali sono gli effetti collaterali noti?

Fra gli i possibili effetti collaterali del cortisone sono inclusi:

  • insonnia.
  • Capogiri o sensazione di avere la testa leggera.
  • Mal di testa.
  • Aumento dell’appetito.
  • Aumento della sudorazione.
  • Difficoltà digestive.
  • Nervosismo.

È consigliato contattare subito un medico in caso dei seguenti effetti collaterali:

  • rash;
  • orticaria;
  • prurito;
  • difficoltà respiratorie;
  • senso di oppressione al petto;
  • gonfiore di bocca, volto, labbra o lingua;
  • feci nere;
  • alterazioni del ciclo mestruale;
  • dolore al petto;
  • dolore o aumento della pressione nell’occhio;
  • febbre, brividi o mal di gola;
  • dolore a ossa o articolazioni;
  • problemi d’umore o mentali;
  • dolore o debolezza muscolare;
  • convulsioni;
  • nausea o vomito gravi o persistenti;
  • mal di stomaco o gonfiori;
  • gonfiore di piedi o gambe;
  • aumento o perdita di peso;
  • problemi alla vista;
  • vomito che sembra caffè.

Alcune avvertenze

Durante il trattamento, potrebbero verificarsi delle alterazioni psichiche che si riconoscono per i sintomi quali:

  • euforia.
  • Insonnia.
  • Variazioni dell’umore.
  • Alterazioni della personalità.
  • Depressione grave.
  • Manifestazioni psicotiche vere e proprie.

Se presenti una di queste alterazioni psichiche anche in questo caso devi contattare il medico che ti dirà come comportarti.