Coronavirus, qual è il tipo di diabete più rischioso per un malato?

Dall'inizio dell'epidemia di Covid-19, subito il diabete è stato ritenuto un fattore di rischio rilevante nella comorbidità. Ma ci sono due tipi di diabete.

Dall’inizio dell’epidemia di Covid-19, subito il diabete è stato ritenuto un fattore di rischio rilevante nella comorbidità, insieme all’obesità e all’ipertensione. Il termine diabete, però, descrive due patologie differenti: una è una malattia autoimmune (diabete di tipo 1) e l’altra è legata al cibo e generalmente compare con l’età (diabete di tipo 2).

LO STUDIO CORONADO

Ora, 51 ospedali francesi, come riportato su Futura-Sciences.com, hanno partecipato allo studio Coronado (Coronavirus Sars-CoV- 2 e Diabetes Outcomes) nel marzo scorso e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista Diabetologia.

Più di 1.300 pazienti, positivi al Sars-CoV-2 e con il diabete da tempo o diagnosticato da poco, sono stati coinvolti nello studio. I maschi hanno rappresentato il 64,9% del campione con un’età media di 69,8 anni. All’inizio del follow up, la maggior parte dei pazienti, 907 persone, non sono stati curati nel reparto di terapia intensiva, le altre 410 persone, invece, erano stati sottoposti o meno all’intubazione tracheale. I medici hanno poi fornito un aggiornamento circa le condizioni di salute al settimo giorno.

IL PROFILO DIABETICO

La stragrande maggioranza, l’88,5%, delle persone coinvolte nello studio Coronado ha il diabete di tipo 2. Questo diabete, che non dipende dall’insulina, è caratterizzato da iperglicemia, un tasso troppo elevato di zucchero nel sangue. Compare con l’età e si verifica intorno ai 50 anni. Al contrario, il diabete di tipo 1 ha riguardato solo il 3% dei partecipanti.

Combinazione del fattore di comorbidità

Sfortunatamente, il diabete di tipo 2 è spesso associato ad altri fattori di comorbidità che rendono le persone particolarmente fragili di fronte al Covid-19: il 77% dei pazienti soffre anche di ipertensione e il 51% di dislipidemia, ovvero colesterolo troppo alto nel sangue. Infine, l’IMC mediano dei pazienti è 28,4, che, per gli standard, corrisponde al sovrappeso.

Dei pazienti inclusi nello studio, il 20,3% è stato sottoposto a intubazione tracheale e ventilazione meccanica. E il 10,6% è deceduto prima del settimo giorno, mentre i pazienti sono stati ricoverati in ospedale solo 5 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi. Questi decessi prematuri riguardano principalmente i pazienti di età superiore ai 75 anni. Nessuno di età inferiore ai 65 anni con il diabete di tipo 1 è morto durante lo studio.

In conclusione, gli uomini anziani con il diabete di tipo 2 di vecchia data e le complicanze associate sono particolarmente vulnerabili al Covid-19.