Come medicare a casa un’ustione lieve, breve guida

Piccole ustioni avvengono in ambito domestico, come medicarle? Ecco una breve guida da tenere tra i preferiti.

Ustionarsi non è un evento così raro, può succedere ai fornelli oppure mentre si piastrano i capelli o si stira. Insomma, incidenti domestici perlopiù. Se abbiamo una armadietto delle emergenze possiamo subito medicare l’ustione. Vediamo cosa fare.

Ustione di I o II grado: come medicarla

Le ustioni sono delle emergenze in ambito sanitario ma anche domestico. Tuttavia, nell’ultimo caso si tratta di ustioni minori, ovvero di minore severità e trattabili autonomamente a casa.

Il primo sintomo di un’ustione è il dolore e questo deve essere immediatamente trattato. Cosa fare?

1. Per prima cosa bisogna immergere la parte ustionata nell’acqua fredda (ma non troppo) per 10-15 minuti finché il dolore non passa o si riduce.

Se questo non è possibile, si può optare per un impacco freddo da appoggiare sull’ustione sempre per 10-15 minuti e poi dopo mezz’ora per altri 10-15 minuti. Ricorda di non mettere la soluzione ghiacciata direttamente a contatto con la pelle ma di usare un asciugamano.

2. Se nella zona ustionata sono presenti monili (gioielli di qualsiasi tipo o orologi) bisogna toglierli per evitare una costrizione, la zona interessata sarà destinata a gonfiarsi.

3. A questo punto sarà proprio il tuo armadietto delle emergenze ad entrare in gioco: per la riduzione del dolore puoi assumere un antidolorifico da banco (ibuprofene, paracetamolo, aspirina, etc.). Se il dolore non si riduce nel giro di poche ore è consigliato contattare il proprio medico curante.

Adesso si può passare alla cura definitiva dell’ustione:

1. Lavare la zona ustionata con acqua e sapone oppure utilizza della clorexidina al 2% soluzione disinfettante.

2. Irriga la zona con della soluzione fisiologica. Tampona per asciugare la parte, non strofinare.

3. Se ci sono delle vesciche, non romperle. Se altre sono già rotte bisogna rimuoverle (sbrigliarle).

4. A questo punto si può applicare una medicazione sterile, con o senza la presenza di un agente topico.

5. La garza per coprire la superficie della ferita non deve essere mai stretta.

LEGGI ANCHE: Cosa bisogna fare se ti punge una medusa?