Come fare una scorta di cibo e bevande per le emergenze?

Le emergenze sono eventi inaspettati. Per questo motivo, è utile prendere delle precauzioni. In questo articolo vi spiegheremo come.

Le catastrofi naturali e le emergenze possono avvenire in maniera totalmente inaspettata e non è facile trovarsi pronti dinnanzi a questi eventi. È bene, quindi, avere a disposizione una scorta di cibo e bevande per le emergenze. In questo articolo vi spiegheremo come farla.

Perché preparare delle scorte di emergenza?

In alcune situazioni, può accadere che si rimanga isolati nella propria abitazione, impossibilitati a ricevere aiuti dall’esterno. Facciamo riferimento a quegli eventi inaspettati come possono esserlo una catastrofe ambientale o una temporanea sospensione dei servizi di pubblica utilità (la luce, il gas e l’acqua).

In casi come questi, risultano fondamentali la responsabilità personale e l’autoprotezione, ovvero la messa in atto di misure preventive per poter aiutare se stessi prima ancora che arrivino i soccorsi.

Di seguito, vi riporteremo i consigli divulgati dalla Protezione Civile sulle precauzioni che potrebbero aiutarvi nelle situazioni di emergenza.

LEGGI ANCHE: 5 norme di sopravvivenza in caso di guerra.

Scorte di cibo e bevande

Avere a disposizione delle scorte di alimenti e bevande durante le situazioni di pericolo permette di limitare gli effetti nocivi legati allo stato di emergenza.

Ecco un elenco di ciò che potrebbe occorrervi per coprire il fabbisogno giornaliero di un adulto:

• Come bevande, per ogni adulto 1,5 l di liquidi al giorno, tra acqua minerale, bevande a lunga durata e succhi di frutta.
• 2 kg di prodotti a base di cereali, pane, patate, pasta, riso
• 2,5 kg di verdure, legumi
• 1,5 kg di frutta, noci
• 1,5 kg di prodotti caseari
• 1,0 kg di uova o uova intere in polvere, pesce, carne
• 0,2 kg di grassi, oli
• Possibile selezione di cibo:
• Prodotti cerealicoli:
• farina/semola, pasta, riso, pane, pane croccante, fette biscottate, farina d’avena
• Verdure/frutta:
• patate, frutta in scatola, verdure in scatola, legumi, frutta secca, insalate in barattolo, noci
• Prodotti lattiero-caseari:
• latte a lunga conservazione, latte in polvere, formaggio spalmabile, formaggio duro, yogurt, formaggio cagliato
• Prodotti congelati, prodotti pronti (come richiesto)
• carne, pesce, zuppe, verdure
• Olii/grassi:
• olio da cucina, burro/margarina

Altri alimenti da tenere in considerazione sono: zucchero, uova, uova intere in polvere, lievito, marmellata/miele/cioccolato, tè/caffè/cacao, creme da spalmare, aceto, spezie, cibo dietetico/cibo per bambini/animale domestico secondo necessità.

È importante tenere in considerazione anche l’acqua che potrebbe servirvi per la preparazione del cibo e per l’igiene personale.

LEGGI ANCHE: Ferita da arma da fuoco, come curarla prima di andare in ospedale.