Come assumere l’olio di Cbd e quali benefici offre all’organismo

Sappiamo bene quanto il Cbd, acronimo di cannabidiolo ovvero un metabolita della canapa sativa, sia in grado di offrire tutta una serie di benefici sia al corpo che alla mente. E questo grazie alle sue molteplici proprietà, a cominciare da quella antistress e quella ansiolitica fino ad arrivare ai benefici per la pelle e all’effetto anti age che è in grado di assicurare ad essa. Si tratta di una sostanza che, grazie al successo riscosso a livello globale dalla cannabis light, sta rapidamente scalando la classifica del gradimento da parte di un pubblico trasversale.

Il Cbd, se assunto nella maniera corretta e prestando attenzione al dosaggio – che è questione del tutto personale – consente di migliorare la qualità del sonno, sconfiggere i sintomi tipici del jet lag e affrontare gli stati depressivi in maniera diversa. Dona una rapida sensazione di relax e accompagna la mente verso uno stato di benessere che, peraltro, è anche in grado di favorire la concentrazione e la creatività. Ma come si assume? Vediamo insieme quali sono i principali metodi assuntivi, in modo da orientare al meglio la scelta.

Metodo sublinguale e dosaggio

Senza dubbio il più diffuso tra i metodi assuntivi dell’olio di cannabidiolo è quello sublinguale. In che cosa consiste? Si devono far scendere alcune gocce (si parte dalle 3-5) sotto la lingua, attendendo almeno un minuto prima di deglutire in modo che le pareti del cavo orale assorbano correttamente la sostanza (bypassando il momento della digestione, che richiede un tempo maggiore). Per quanto riguarda il dosaggio, non c’è una regola aurea: occorre andare per gradi e tentativi. E’ bene iniziare con basse quantità per poi, se la sostanza è ben tollerata, aumentare fino a trovare uno stabile beneficio. I fattori da valutare in questo senso sono: concentrazione dell’olio di cannabidiolo quindi la sua potenza, il proprio peso corporeo e l’intensità del disturbo che si vuole affrontare.

Applicazione topica e cosmetici

Vista l’azione di contrasto dei radicali liberi che il Cbd è in grado di mettere in campo, l’applicazione per via topica – quindi direttamente nella zona del corpo da trattare, meglio se con massaggi ad hoc – è anch’essa consigliata. Si possono ridurre per esempio i sintomi della psoriasi, così come è possibile lottare contro l’acne che devasta il viso e può creare problematiche anche di tipo relazionale. Pelle secca e dolori articolari potranno anch’essi trarre un rapido beneficio dell’applicazione topica dell’olio di Cbd e dei cosmetici che lo contengono.

Tisane rilassanti e liquidi per sigaretta elettronica

La sera non c’è niente di meglio che ritagliarsi un momento di pace e serenità per sé, preparando una bella tisana fumante che soprattutto nei mesi freddi si comporta come un vero e proprio toccasana. Visto che i cannabinoidi si attivano quando si trovano in presenza di un elemento grasso, sarà necessario aggiungere oltre alle gocce di olio di Cbd un cucchiaio di latte di soia o vaccino. Infine, poiché il gesto dello svapo è ormai divenuto sempre più popolare, non manca chi opta per un e-liquid al cannabidiolo da inserire nella propria sigaretta elettronica.