Cerotti dimagranti, quali rischi per la salute?

Da qualche tempo hanno fatto la propria comparsa nelle farmacie, anche in Italia, dividendo l’opinione pubblica in due parti, tra chi è convinto che possano essere utili e chi invece li ritiene un prodotto assolutamente superfluo. Si parla dei cerotti dimagranti, che agiscono ovviamente dopo essere stati applicati sulla cute una volta al giorno.
I cerotti per dimagrire contengono diverse sostanze utili al raggiungimento dell’obiettivo finale: lasciati sulla pelle vanno a rilasciare tali sostanze in modo graduale, nell’arco delle 24 ore, esercitando il proprio effetto a livello sistemico. Grazie a questo graduale rilascio, secondo quanto riportato nei foglietti illustrativi di questi prodotti, dovrebbe avvenire la perdita di peso graduale in quanto il loro uso costante avrebbe capacità termogeniche.

Qual è il principio dei cerotti dimagranti

Per termogenesi si intende l’energia che l’organismo spende in eccesso all’aumentare della temperatura corporea; opzione quest’ultima che consente di aumentare il proprio metabolismo andando quindi a bruciare ulteriori calorie. Ecco che sul mercato si sono fatti largo, nel corso degli anni, prodotti e integratori con capacità termogeniche, quindi adatti proprio per innalzare la temperatura dell’organismo stimolando il dispendio di calorie.
Con l’innalzamento della temperatura si induce il nostro corpo a bruciare più velocemente le calorie ed il grasso sottocutaneo che resta spesso bloccato nelle cellule. Tutto questo può avvenire con l’uso di cerotti per dimagrire, oggi acquistabili anche nelle farmacie.
In linea di massima non esistono prove certe del fatto che l’uso di questi prodotti possa stimolare realmente la perdita di peso: questo anche in considerazione del fatto che i cerotti non sono considerati farmaci, e quindi non devono rispettare necessariamente standard precisi in quanto venduti alla stregua di integratori alimentari e prodotti cosmetici.

Quando sono sicuri?

Di base i cerotti per dimagrire dovrebbero essere privi di effetti collaterali e rischi, è tuttavia importante accertarsi sempre, in precedenza, di quali sostanze sono contenute al loro interno (ci sono cerotti di ogni genere con diversi principi attivi), andando a prediligere possibilmente quelli con il maggior numero di sostanze naturali.
Quali sono le sostanze contenute nei cerotti per dimagrire? Sono tante, differenti tra di loro: il guaranà ad esempio o Garcinia Cambogia, ed ancora alghe e piante varie, come nel caso di Fucus vesiculosis. Al di là di quello che c’è dentro a questi cerotti, è bene evidenziare che non si tratta di prodotti miracolosi, e che di conseguenza da soli possono non essere sufficienti per raggiungere gli obiettivi sperati in termini di perdita di peso.