Cancro al fegato, c’è un legame con l’igiene orale?

Ricercatori europei hanno rivelato in uno studio che trascurare l'igiene orale potrebbe potenzialmente aumentare il rischio della variante più comune del cancro al fegato fino al 75%.

Primo stadio della digestione, la bocca è spesso descritta dalla medicina come «il primo stomaco», dove il cibo deve essere adeguatamente masticato per semplificare il lavoro degli altri organi.

Per via del suo legame con l’intero apparato digerente, la bocca è popolata da una grandissima quantità di batteri che, a seconda dell’igiene e dell’alimentazione di ogni individuo, possono comportare alcuni disagi, come l’alitosi.

Uno studio, pubblicato sullo United European Gastroenterology Journal nel 2019 e condotto dalla Queen’s University di Belfast (Irlanda del Nord) su 469.000 persone, ha approfondito la relazione tra una igiene orale scarsa e i rischi di sviluppare alcuni tumori come quello del fegato, del colon – retto e del pancreas. Secondo alcuni ricercatori, infatti, la proliferazione batterica ha un possibile impatto nello sviluppo delle malattie sull’intero apparato digerente.

I risultati di questo studio, quindi, hanno evidenziato una tendenza tra la scarsa igiene orale e lo sviluppo di tumori come il carcinoma epatocellulare, la principale variante del cancro al fegato, nonché il cancro del dotto epatobiliare.

Ma questa tendenza, sebbene evidente, non consente di stabilire un collegamento completo e diretto, come ha spiegato il dottor Benoît Lalonde, professore alla facoltà di odontoiatria dell’Università di Montreal (Canada): «Vedere due cose contemporaneamente è un’associazione ma questo non la rende una relazione causale. Non sarebbe sorprendente il fatto che il paziente che non si prende cura della sua bocca non si prende cura anche della sua salute in generale, sia che si tratti di un paziente in sovrappeso, fiabetico, fumatore, ecc. Sappiamo che ci sono diversi fattori collaterali che potrebbero spiegare le malattie cardiache o le malattie epatocellulari».

Gli scienziati, ad esempio, hanno scoperto che la maggior parte delle persone con problemi di igiene orale erano giovani provenienti da quartieri svantaggiati e consumavano meno di due porzioni di frutta e verdura al giorno.

LEGGI ANCHE: Anche l’EMA ha ammesso la relazione tra AstraZeneca e trombosi.