Batteri carnivori nell’addome di una donna, cosa le è successo?

Dopo un'importante operazione, una donna è stata infettata da batteri carnivori. Un caso molto grave e raro.

Dopo un’importante operazione, una donna è stata infettata da batteri carnivori. Il suo caso era così grave che i medici hanno dovuto metterla in coma farmacologico.

Donna in condizioni grave, batteri carnivori nell’addome

Brenna McIntosh, un’australiana di 29 anni, ha subito un intervento chirurgico dopo aver perso naturalmente molti chili. L’operazione è andata bene ma mentre si stava riprendendo, una delle sue amiche ha notato che il suo ombelico sembrava anormale. Cosa le era successo?

LEGGI ANCHE: 33enne incinta ha un malore al bar e muore.

Un’addominoplastica di routine

In origine, Brenna McIntosh è andata in ospedale per un’addominoplastica. Si tratta di un intervento di chirurgia estetica volto a rimuovere la pelle in eccesso e una piccola quantità di grasso dall’addome e rassodare la pelle”.

È un intervento che generalmente viene proposto a persone che hanno perso molto peso in pochissimo tempo, perché in questi casi, quando questa perdita è troppo veloce la pelle “rilassata” può causare disagio. Dopo aver perso 40 kg, Brenna si è quindi recata in ospedale per rassodare la pelle della pancia.

Ma poco dopo l’operazione, il suo ombelico è iniziato a sembrare strano. Brenna ha iniziato ad avere la febbre alta ed era resistente agli antibiotici. In poche parole, le scansioni hanno rivelato che era stata infettata da batteri carnivori durante l’addominoplastica.

Fascite necrotizzante pericolosa per la vita

Contaminata da questi batteri, Brenna McIntosh ha sviluppato una fascite necrotizzante ovvero una rara malattia infezione della pelle e dei tessuti sottocutanei con espansione e decorso rapido.

Secondo Newsweek, la giovane donna doveva essere sottoposta ad un coma farmacologico (o coma artificiale). I medici hanno dovuto rimuovere le parti infette del suo corpo creando una sorta di “buco” nell’addome. Fortunatamente, la vita di Brenna McIntosh non è più in pericolo ed è riuscita a svegliarsi dopo un coma durato una settimana.

LEGGI ANCHE: In quali casi un mal di testa può segnalare un cancro?