Attacco nucleare, come improvvisare un rifugio? Come comportarsi? La guida

Non tutti abbiamo la possibilità di accedere ad un bunker, è bene sapere come improvvisare un rifugio e come comportarsi in caso di attacco nucleare.

Non tutti abbiamo la possibilità di accedere ad un bunker in caso di attacco nucleare sia per una questione logistica che economica.

Questo non deve scoraggiarci in caso di questa triste evenienza. Seppur attualmente lontana, è bene sapere in anticipo come improvvisare un rifugio in caso di attacco nucleare e come comportarsi. La guida

Attacco nucleare, deterrenza nucleare

Da una settimana siamo spettatori globali della guerra tra la Russia e l’Ucraina. Il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato l’allerta della “forza deterrente” dell’esercito russo, che include le armi nucleari. “Ordino al ministro della Difesa e al capo di stato maggiore – ha detto Putin – di mettere in allerta speciale le forze di deterrenza dell’esercito russo, in risposta alle dichiarazioni aggressive dell’Occidente”.

Cos’è la deterrenza nucleare?

Si tratta di una strategia militare che implica la capacità di rispondere in modo immediato e ancora più distruttivo a qualsiasi attacco realizzato o tentato.

Quelli che si stanno attraversando sembrano gli ultimatum prima di un’annunciata guerra nucleare. Nonostante molti analisti esperti non ritengono questa strategia attendibile quanto un appello alla paura da parte di Putin, l’emotività di tutti noi è messa a dura prova.

Nel dubbio di ciò che il futuro ci riserverà, abbiamo pensato di divulgare una guida su come comportarsi in caso di attacco nucleare e come improvvisare un rifugio: non tutti possiamo permetterci di raggiungere un bunker.

Improvvisare un rifugio

Una premessa importante: ciò a cui bisogna fare attenzione è la ricaduta radioattiva ovvero il materiale coinvolto nell’esplosione, reso radioattivo e lanciato in aria fino al limite della troposfera (12 km di quota) che ricade sotto forma di cenere e pulviscolo altamente letale.

1. Bisogna raggiungere un rifugio antiatomico prima di questa ricaduta radioattiva (entro mezz’ora dal lampo al cielo).

2. I rifugi immediatamente improvvisati sono: metropolitane, lunghi tunnel autostradali e ferroviari, grotte miniere, fognature, etc.

3. Non riesci a raggiungere nessuno di questo rifugio? Cercane uno che sia a un metro e settanta da terra. Anche un fosso.

4. Se ti trovi in un terreno, scava una buca, stai sdraiato a faccia in giù e copri bocca e naso con un panno o una maglietta. Devi coprire la buca prima della ricaduta radioattiva.

5. Anche una cantina va bene, purché sia riparata e ogni spiffero sia chiuso. Si può sigillare ogni apertura con del calcestruzzo.

Come comportarsi

La regola numero n.1 in caso di attacco nucleare è sopravvivere, come? Ecco alcune regole:

  1. Appena si vede il bagliore nel cielo cercare un riparo immediatamente, a 2 o 3 metri da dove ci si trova.
  2. Se non lo si trova mettersi dietro un muro o un riparo rivolti verso la parte opposta dell’esplosione.
  3. Se non si trova nulla sdraiarsi a testa in giù e chiudere gli occhi, coprendosi le parti cutanee scoperte.
  4. Non muoversi finché non passa l’onda d’urto.
  5. Ora bisogna raggiungere entro mezz’ora un ricovero possibilmente sotterraneo per sopravvivere alla ricaduta radioattiva.
  6. Nello spostamento coprire naso e bocca e non guardare verso l’esplosione il forte effetto termico potrebbe bruciarvi le retine.
  7. Non mangiare, bere o fumare.
  8. Se al momento dell’esplosione uno si trova all’interno di un edificio, ripararsi subito dietro una grossa parete o un mobile solido, stare lontano dalle apparecchiatura elettriche.
  9. Una volta passata l’onda d’urto uscite a trovare un rifugio, se non trovate niente scendete nei piani più bassi dell’edificio o nel seminterrato tappezzando spifferi e finestre.
  10. Se uscite a cercare un ricovero riparatevi sotto una grossa coperta che abbandonerete quando troverete un rifugio, facendo occhio agli eventuali incendi generati dall’onda termica.
  11. Non utilizzate le auto, l’impulso elettrico generato dall’esplosione potrebbe aver danneggiato il motore, però potete rifugiarvi all’interno chiudendo bene tutte le possibili entrate d’aria (infilarsi in un’auto può aumentare sensibilmente le probabilità di sopravvivenza, almeno del 40 per cento).
  12. Non perdete tempo con i cellulari potrebbero essere danneggiati e comunque le comunicazioni, sarebbero interrotte per via dell’effetto elettromagnetico.
  13. Se durante la corsa verso un rifugio vi si depositano addosso detriti e polveri radioattive sbarazzatevi di tutti gli indumenti, fatevi più docce utilizzando molto sapone, dedicando particolare cura a capelli, mani e togliendo i residui sotto le unghie.
  14. Appena entrate nel rifugio antiatomico fate una doccia di decontaminazione lasciando tutti gli indumenti e gli oggetti che avete nella stanza che precede l’entrata.
  15. Una volta dentro chiudete le porte a tenute stagna e non le aprite più fin quando non dovrete uscire.

[Fonte: sopravvivere.net]

Se volete restare aggiornati, seguiteci su Facebook cliccando qui.

LEGGI ANCHE: Quanto tempo si può vivere in un bunker?