Artrite reattiva: sintomi, trattamento e complicazioni

Una delle malattie che affliggono molte persone è l'artrite e ci sono varie forme di questa condizione e una di queste è l'artrite reattiva. Ecco cosa è meglio sapere.

0

Una delle malattie che affliggono molte persone è l’artrite. Inoltre, ci sono varie forme di questa condizione e una di queste è l’artrite reattiva.

Si tratta di una forma dolorosa di artrite infiammatoria causata dai batteri del tipo ‘clamidia trachomatis’ presente nei genitali. La clamidia può essere tramite i rapporti sessuali.

A differenza delle altre forme di artrite, questa dura per un tempo più breve, di solito da tre mesi a un aanno. Tuttavia, si può presentare spesso.

I 5 primi segni di artrite reumatoide che non vanno trascurati

Altri batteri che causano l’artrite reattiva: Campylobacter, Salmonella, Shigella e Yersinia presenti nell’intestino.

L’artrite reattiva non può essere trasmessa ma è associata all’HLA-B27 un gene che potrebbe essere ereditato e aumenta le possibilità di contrarla. Chiunque può avere questa condizione infiammatoria ma l’artrite reattiva tende a manifestarsi principalmente negli uomini di età compresa tra i 20 e i 50 anni. Inoltre, le persone con HIV e AIDS sono a rischio di contrarre questa malattia.

L’artrite reattiva può essere scatenata da disturbi di stomaco, diarrea, infezione alla gola, sindrome della guancia schiacciata e febbre ghiandolare.

Quando la febbre indica una grave condizione di salute

Sintomi di artrite reattiva

Come nella maggior parte delle malattie, quando un individuo soffre di artrite reattiva i sintomi diventano evidenti tra 1 e 4 settimane.

I segni:

  • Urinare frequentemente e provare dolore durante la minzione a causa dell’infiammazione della ghiandola prostatica o della cervice;
  • Dita gonfie;
  • Eruzioni cutanee sui palmi delle mani e sulle suole dei piedi;
  • Dolori alla bocca e infiammazione degli occhi;

Altri sintomi: rigidità e dolore al ginocchio, alla caviglia, ai talloni e ai glutei, compresa la lombalgia che peggiora durante la notte.

In caso di questi sintomi è consigliabile fissare un appuntamento con un medico per ricevere il trattamento ad hoc e prevenire possibili ricadute o complicazioni in futuro.

Trattamento

L’artrite reattiva a volte se ne va da sola. Tuttavia, l’infezione che l’ha scatenata può essere trattata con gli antibiotici quando non è cronica. I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) possono anche essere usati per trattare l’infiammazione articolare associata all’artrite reattiva.

In caso di cronicità, si fa ricorso a metotrexato, terapia fisica e esercizio fisico ma bisogna sempre consultare un medico.

Complicazioni

Ecco le possibili complicazioni che potrebbero derivare dall’artrite reattiva quando non viene trattata in modo efficace:

  • Infiammazione del muscolo cardiaco;
  • Irrigidimento della colonna vertebrale;
  • Anomalie ai piedi;
  • Accumulo di liquidi nei polmoni;
  • Cecità progressiva e glaucoma.

Commenti