Arnica, cos’è, efficacia ed effetti collaterali

L'arnica è un rimedio omeopatico utilizzato comunemente. Ma cos'è? È efficace o comporta effetti collaterali? La risposta.

L’arnica è un rimedio omeopatico utilizzato comunemente. Ma cos’è? È efficace o comporta effetti collaterali? La risposta in questo articolo.

Cos’è l’arnica?

L’arnica deriva dalla Arnica montana, un fiore giallo-arancio che cresce nelle montagne dell’Europa e della Siberia. A volte è chiamata “margherita di montagna”, perché il suo colore e i suoi petali somigliano al fiore più conosciuto. Le creme e gli unguenti a base di capolini di arnica possono essere utilizzati per affrontare i seguenti disturbi:

  • indolenzimento muscolare e dolori
  • lividi
  • dolore e gonfiore alle articolazioni
  • infiammazione

L’arnica non viene utilizzata per via orale e viene sempre diluita, poiché l’assunzione di dosi eccessive può essere fatale.

Efficacia

L’arnica è comunemente usata per trattare i lividi, quindi è popolare tra le persone che hanno subito di recente un intervento chirurgico, in particolare un intervento di chirurgia plastica. Sebbene la ricerca scientifica non sia conclusiva sull’argomento, si dice che creme e gel topici contenenti arnica aiutino con il dolore e le ecchimosi della pelle.

Uno studio del 2006 su persone che hanno subito una ritidectomia, un intervento di chirurgia plastica per ridurre le rughe, ha dimostrato che l’arnica omeopatica può aumentare significativamente la guarigione. L’arnica si è dimostrata efficace durante la guarigione di diverse condizioni postoperatorie. Questi includono gonfiore, lividi e dolore.

Altre ricerche hanno fornito risultati contrastanti riguardo alla sua efficacia. Uno studio pubblicato su Annals of Pharmacotherapy ha rilevato che l’arnica aumenta il dolore alle gambe nelle persone 24 ore dopo una routine di esercizi per i polpacci.

Precauzioni ed effetti collaterali

I medici sconsigliano l’uso dell’arnica sulla pelle lesa o per lunghi periodi di tempo, perché può causare irritazione. Inoltre, le donne in gravidanza o che allattano al seno dovrebbero consultare un medico prima di usare l’arnica.

Alcune persone possono avere reazioni allergiche all’arnica o mostrare ipersensibilità. In questo caso, si raccomanda di cessare di utilizzarla immediatamente. Gli individui che sono allergici o ipersensibili a qualsiasi pianta della famiglia delle Asteraceae dovrebbero evitare l’uso di arnica. Altri membri di questa famiglia includono:

  • dalie
  • margherite
  • denti di leone
  • calendule
  • girasoli

LEGGI ANCHE: 6 consigli per migliorare la qualità del sonno quando c’è molto caldo.