4 motivi per cui va evitato il consumo di zenzero

Conosci sicuramente i numeri benefici dello zenzero sulla salute. Ma è giusto sapere che ci sono anche casi in cui le persone dovrebbero evitare questa radice.

0

Conosci sicuramente i numeri benefici dello zenzero sulla salute. Ad esempio, qui abbiamo elencato ben 6 motivi per cui vale la pena inserirlo nell’alimentazione.

Lo zenzero, infatti, ha effetti eccellenti in caso di disturbi digestivi, poiché è ricco di enzimi che aiutano la digestione e la decomposizione degli alimenti, oltre contribuiscono a disintossicare il corpo.

Tuttavia, è giusto sapere che ci sono anche casi in cui le persone dovrebbero evitare questa radice.

Nonostante i potenti composti bioattivi e le sostanze nutritive che contiene, lo zenzero è sconsigliato in determinate condizioni mediche.

SOTTOPESO

Lo zenzero è ricco di fibre e aumenta i livelli di pH nello stomaco, così come la produzione di enzimi digestivi, portando a un migliore processo di combustione dei grassi e riduzione dell’appetito, perdita di peso, scarsa massa muscolare, perdita di capelli e irregolarità mestruali.

DISTURBI DEL SANGUE

Questa pianta nutriente aumenta la circolazione sanguigna ed è quindi utile in caso di obesità, diabete, malattia delle arterie periferiche o malattia di Raynaud ma non nel caso dell’emofilia, una condizione in cui il sangue ha perso la capacità di coagularsi. Lo zenzero potrebbe persino peggiorare la situazione e neutralizzare gli effetti dei farmaci per questa patologia.

GRAVIDANZA

Lo zenzero è ricco di stimolanti che aiutano la digestione e sostengono la salute dei muscoli ma nelle donne in gravidanza può causare contrazioni e travagli prematuri. Quindi è  vietato l’uso durante l’ultimo trimestre della gravidanza, anche se potrebbe lenire la nausea mattutina. Inoltre, questa pianta sconvolge l’assorbimento di ferro alimentare e vitamine liposolubili.

ALCUNI FARMACI

Dovresti anche evitare lo zenzero se assumi farmaci per il diabete o per l’ipertensione perché, combinato con insulina, beta-bloccanti e anticoagulanti, può alterare gli effetti dei farmaci. Ciò è dovuto al fatto che lo zenzero stimola la fluidificazione del sangue e riduce la pressione sanguigna.

Comunque, è possibile trovare alcuni sostituti dello zenzero, ad esempio peperoni dolci, paprika rossa o pepe di cayenna. La nutrizionista di fama mondiale, Milka Raicevic, sostiene che gli effetti dei peperoni sono simili a quelli dello zenzero.

Commenti