34enne muore dopo il vaccino di AstraZeneca, confermato il collegamento

La morte di una donna di 34 anni del New South Wales (NSW), Australia, dopo aver sviluppato una rara sindrome da coagulazione del sangue è probabilmente associata al vaccino di AstraZeneca. Lo ha affermato la Therapeutic Goods Administration (TGA), ente governativo australiano.

La donna è morta mercoledì scorso dopo aver sviluppato la rara trombosi con sindrome da trombocitopenia.

«Il TTS è un evento raro che coinvolge gravi coaguli di sangue con un basso numero di piastrine. È innescato dalla risposta del sistema immunitario al vaccino di AstraZeneca ed è diverso da altre condizioni di coagulazione», ha affermato il TGA in una nota.

La morte della donna è uno dei due casi della scorsa settimana che il TGA ha valutato come TTS confermato, «probabilmente collegato al vaccino di AstraZeneca».

L’altro caso confermato è una donna di 51 anni, sempre del NSW.

Una donna di 67 anni di Victoria è stata valutata dal TGA come «probabile TTS», collegata al colpo di AstraZeneca.

«Oltre ai nuovi casi identificati, un caso precedentemente segnalato come probabile è stato riclassificato a confermato», ha affermato il TGA.

«Questo porta il totale dei rapporti australiani valutati come TTS a seguito del vaccino di AstraZeneca a 93 casi (57 confermati, 36 probabili) da circa 6,8 milioni di dosi di vaccino».

Il TGA ha affermato di rivedere tutti i decessi segnalati nelle persone che hanno ricevuto la vaccinazione anti COVID-19.

«Purtroppo, uno dei casi, una donna di 34 anni del NSW, è morta ieri», ha detto il TGA.

«Il TGA estende le sue più sincere condoglianze alla sua famiglia e ai suoi cari. Siamo in stretta comunicazione con la NSW Health che sta intraprendendo ulteriori indagini su questo caso».