13enne ha un ictus e resta paralizzata, ora sta imparando a camminare di nuovo

Nel luglio scorso la giovane britannica Savannah Geddes era a casa con i suoi genitori quando, all'improvviso, ha notato una sensazione di formicolio alle gambe.

Nel luglio scorso la giovane britannica Savannah Geddes era a casa con i suoi genitori quando, all’improvviso, ha notato una sensazione di formicolio alle gambe.

Pochi istanti dopo, ha cominciato a provare un fortissimo dolore sulla schiena così tanto che i suoi genitori hanno chiamato un’ambulanza. Poche ore dopo, Savannah – 13 anni – ha smesso di ‘sentire’ le sue gambe ed è rimasta paralizzata dalla vita in giù.

Come riportato su Fox News, «Savannah ha sofferto molto e non avevamo idea di cosa stesse succedendo» ha detto la madre.

Una risonanza magnetica all’ospedale pediatrico di Sheffield ha rivelato che l’adolescente ha sofferto di un ictus acuto, che si verifica quando s’interrompe l’afflusso del sangue verso il midollo spinale. Quando ciò accade, il midollo spinale viene privato dell’ossigeno e dei nutrienti essenziali necessari per funzionare correttamente.

LEGGI ANCHE: Cosa succede al nostro corpo se mangiamo l’uva ogni giorno?

La colonna vertebrale utilizza gli impulsi nervosi per comunicare con le diverse parti del corpo. Nei casi più gravi di ictus spinale, la mancanza di comunicazione può causare la paralisi e può essere pericolosa per la vita.

I sintomi sono spesso improvvisi, come nel caso di Savannah, e comprendono dolore ‘estremo’ al collo e alla schiena. E anche: spasmi muscolari, intorpidimento, perdita del controllo della vescica, formicolio, debolezza muscolare e paralisi.

L’adolescente è rimasta in ospedale per alcuni mesi prima di essere autorizzata a tornare a casa a ottobre. Durante la sua permanenza all’ospedale pediatrico di Sheffield, Savannah ha imparato di nuovo a camminare. Tuttavia, ha ancora bisogno delle stampelle. Comunque, sono stati giudicati ‘notevoli’ gli sforzi di recupero dell’adolescente.

«Il personale la fa sentire così speciale e non ho dubbi sul fatto che abbiano aiutato la determinazione di Savannah», ha detto Sue, che ha aggiunto: «Sono stata così orgogliosa di lei in questo momento difficile».

Savannah e la sua famiglia hanno raccolto circa 4.700 dollari per pagare le spese all’ospedale pediatrico di Sheffield: «Se la nostra raccolta fondi può aiutare anche altri bambini, ne varrà la pena».

LEGGI ANCHE: Genova, bimba di 3 anni precipita dal balcone e muore.