Scoperto legame tra morte prematura e dormire troppo

Le persone che dormono troppo sono più a rischio di morte prematura rispetto a quelle che dormono troppo poco.

0
1211

Le persone che dormono troppo sono più a rischio di morte prematura rispetto a quelle che dormono troppo poco.

Lo sostiene una ricerca.

Gli studiosi hanno, infatti, scoperto che coloro che dormono per più di otto ore a notte hanno un rischio maggiore di mortalità rispetto a quelli che dormono per meno di sette ore.

La ricerca, che ha coinvolto oltre 3,3 milioni di persone in tutto il mondo, ha scoperto che dormire troppo a lungo incrementa il rischio di malattie cardiache e ictus.

Gli scienziati – delle università di Keele, Manchester, Leeds e East Anglia – hanno affermato che il sonno eccessivo dovrebbe essere considerato un indicatore di cattiva salute.

Scrivendo sul Journal of American Heart Association, hanno asserito che una spiegazione potrebbe essere che il dormire troppo coincide con poca attività fisica, aumentando così il rischio di problemi cardiaci.

Ma è più probabile che le persone che dormono troppo a lungo soffrano già di problemi non diagnosticati.

La lunga durata del sonno può essere associata ad un rischio aumentato di malattie cardiovascolari a causa di comorbidità (la presenza o l’insorgenza di un’entità patologica accessoria durante il decorso clinico di una patologia oggetto di studio, n.d.r.) che portano alla fatica, come i disturbi infiammatori cronici e l’anemia“, hanno scritto.

I sintomi depressivi, lo status socioeconomico basso, la disoccupazione e la poca attività fisica sono anche associati alla lunga durata del sonno“.

Gli accademici hanno affermato che i medici dovrebbero sottoporre a screening i pazienti che dormono a lungo ogni notte per problemi cardiaci.

Il rischio più basso è stato evidenziato per coloro che dormivano tra le sette e le otto ore al giorno.

Per le persone con meno sonno, il rischio di malattia e morte è aumentato gradualmente, ma non abbastanza per essere significativo dal punto di vista statistico.

Invece, nelle persone con un sonno di nove ore a notte è stato riscontrato un rischio di mortalità aumentato del 14%. Tra coloro con 10 ore di riposo il rischio è incrementato del 30% e in chi dormiva per 11 ore il rischio è salito al 47%.

I ricercatori hanno combinato i risultati di 74 studi precedenti per produrre questi risultati.

Il ricercatore capo, Chun Shing Kwok, della Keele University ha dichiarato: “Il nostro studio ha un impatto importante sulla salute pubblica in quanto dimostra che il sonno eccessivo è un indicato di rischio cardiovascolare elevato. Le nostre scoperte hanno importanti implicazioni in quanto i medici dovrebbero avere maggiore considerazione sulla durata e la qualità del sonno durante le visite. Se si riscontrano modelli di sonno eccessivo, in particolare periodi prolungati di otto ore o più, i medici devono prendere in considerazione lo screening per i fattori di rischio cardiovascolare e l’apnea ostruttiva del sonno“.

Commenti