Il cioccolato fondente fa bene anche alla vista. Lo studio

Il cioccolato fondente è già noto perché rende buono l'umore ma ora è stato anche accreditato come salutare per la vista.

0
131
cioccolato

Il cioccolato fondente è già noto perché rende buono l’umore ma ora è stato anche accreditato come salutare per la vista.

Ma, prima di fare scorte, i ricercatori statunitensi hanno sottolineato che il miglioramento della vista è solo lieve.

Il consumo di cioccolato fondente ad alto contenuto di flavanoli del cacao – un potente antiossidante – è legato al miglioramento a breve termine del flusso sanguigno, dell’umore e della cognizione.

Per indagare sugli effetti positivi del cioccolato fondente sulla visita, i ricercatori della Rosenberg School of Optometry di San Antonio (USA) hanno condotto uno studio randomizzato che ha confrontato l’impatto sulle prestazioni visive al buio del cioccolato al latte.

Ai partecipanti è stata consegnata in modo casuale una barretta di cioccolato fondente da 40 grammi contenente il 72% di cacao o una barretta di cioccolato al latte per mangiarla.

Poi, è stato somministrato ai partecipanti un test di vista quasi due ore dopo l’ingestione.

Tra i 30 partecipanti, 9 uomini e 21 donne con un’età media di 26 anni, la sensibilità al contrasto delle piccole lettere è risultata significativamente più alta dopo il consumo di cioccolato fondente rispetto a quello al latte.

La sensibilità al contrasto e l’acutezza visiva erano significativamente più elevate due ore dopo il consumo di una barretta di cioccolato fondente rispetto a una barretta di cioccolato al latte, ma la durata di questi effetti e la loro influenza nelle prestazioni del mondo reale hanno bisogno di ulteriori test“, hanno scritto gli autori dello studio.

I ricercatori non hanno potuto dire per quanto tempo il beneficio duri o non hanno identificato il meccanismo biologico che porta a questo risultato.

Una possibile spiegazione potrebbe essere un aumento del flusso sanguigno cerebrale e dell’ossigeno per gli occhi.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista JAMA Opthalmology.

Commenti