Fratelli con i “piedi di pietra”. Ecco di cosa soffrono

Quattro fratelli di una famiglia povera in Pakistan trasformati lentamente in pietra da una rara malattia della pelle.

0
1775

Quattro fratelli di una famiglia povera in Pakistan trasformati lentamente in pietra da una rara malattia della pelle.

Habibullah Bhatti, 19 anni, Mehrunisa, 15 anni, Nasebullah Bhatti, 10 anni, e Khairunisa, sei, soffrono tutti di ipercheratosi epidermolitica.

La condizione, che colpisce circa una persona su 200mila in tutto il mondo, causa la crescita di uno spesso strato di pelle sulle mani e sui piedi.

I due fratelli e le due sorelle, visitati da più medici ma senza successo, ora non sono più in grado di indossare sandali o scarpe a causa del dolore.

I genitori Nazir Bhatti, 50 anni, e Abida Ali, 48 anni, sono preoccupati perché non esiste una cura.

Il padre ha raccontato, come si legge sul Daily Mail, che “tre anni fa, la mia figlia più piccola, Khairunisa, è stata colpita da una strana malattia. Uno spesso strato di pelle è cresciuto sui suoi piedi che, in pochi mesi, sono diventati duri come una pietra. L’abbiamo portata da un guaritore locale che le ha dato un po’ di colla da applicare sui  piedi. Ma nel giro di sei mesi, anche gli altri tre miei bambini sono stati colpiti da questa malattia“.

La letteratura medica afferma, tuttavia, che l’ipercheratosi epidermolitica è presente sin dalla nascita.

Come misura precauzionale, Nazir e Abida hanno mandato gli altri tre figli, non colpiti dalla malattia, a casa della nonna materna.

I fratelli devono camminare scalzi anche in inverno quando le temperature a Sujawal – 135 chilometri a est di Karachi – possono scendere fino a 3°C.

Nazir ha aggiunto: “Non possono indossare scarpe o calze. È molto difficile per loro camminare durante le estati calde e gli inverni freddi a piedi nudi. A volte soffrono così tanto che mia moglie e io dobbiamo mettere l’acqua nei piedi ogni ora per ammorbidire la pelle“.

Nazir ha raccontato ai giornalisti locali di aver portato i figli da diversi medici ma niente ha aiutato a migliorare la loro condizione: “La loro pelle – ha aggiunto –  sta diventando sempre più dura giorno dopo giorno. Siamo preoccupati per il loro futuro perché non possono andare a scuola né svolger alcun lavoro“.

Nazir, che lavora in un piccolo ristorante come chef e guadagna l’equivalente di 3 euro e 40 centesimi al giorno, ha detto che non può permettersi di portare i figli in un ospedale più grande per il trattamento: “Con i miei guadagni – ha detto – sono in grado appena di sfamare la mia famiglia. Non ho i soldi per permettermi le spese di viaggio e portare i miei figli in un ospedale più grande a Karachi o in qualsiasi altra grande città“.

Un alto funzionario di polizia, Fida Hussain Mastoi, ha deciso di aiutare Nazir, dopo che un volontario locale ha condiviso le foto dei figli su WhatsApp.

L’ufficiale ha rivelato di essere stato toccato dalla situazione dei fratelli e che ha già contattato uno specialista della pelle di Karachi per il trattamento.

Fida Hussain ha detto: “Quando ho visto le foto di quei poveri bambini, sono stato devastato dal dolore. Ho mostrato le foto a uno specialista della pelle di Karachi che crede che i fratelli soffrano di ipercheratosi epidermolitica. Ho fissato l’appuntamento con il medico e spero che le cose cambino molto presto per loro“.

Commenti