Fa caldo e sei senz’aria condizionata? Cos’hanno scoperto gli scienziati su di te

Se ti sei mai trovato a patire temperature estreme e ti sei sentito pigro, lento e scialbo - quasi come se il tuo cervello si fosse sciolto - non sei solo.

0
2267

Se ti sei mai trovato a patire temperature estreme e ti sei sentito pigro, lento e scialbo – quasi come se il tuo cervello si fosse sciolto – non sei solo.

Varie ricerche hanno dimostrato in passato che il cervello umano cessa di funzionare normalmente quando esposto a temperature elevate e ora un’indagine dell’Harvard T.H. Chan School of Public Health ha mostrato che questo fenomeno è concreto.

Lo studio, pubblicato su PLOS Medicine, ha testato i cambiamenti nelle prestazioni cognitive di 44 studenti universitari che vivevano in dormitori con aria condizionata e senza a Boston nel luglio 2016, l’estate più calda mai registrata.

Utilizzando test basati su memoria di lavoro e controllo inibitorio – la capacità di concentrarsi su stimoli rilevanti in presenza di stimoli irrilevanti – gli autori hanno rivelato che i soggetti senza aria condizionata (AC) avevano ridotto significativamente la capacità mentale rispetto a quelli che ne hanno usufruito.

Sebbene questo lavoro abbia esaminato solo un piccolo gruppo di persone in un’area del mondo, l’autore principale Jose Guillermo Cedeño-Laurent e i suoi colleghi scrivono che i risultati portano all’attenzione un effetto collaterale spesso trascurato dei cambiamenti climatici.

[amazon_link asins=’B01DA3LU2U,B00H499HHC,B078Y77XMM,B00DF1SCCY,B01C70692I,B01DSXMWTC,B07DH65RM5,B00JP93NTC,B01C8K9VPE’ template=’ProductCarousel’ store=’gianbolab-21′ marketplace=’IT’ link_id=’4aef0e21-85dc-11e8-b91c-513295c213f6′]

La maggior parte della ricerca sugli effetti del calore sulla salute è stata effettuata in fette della popolazione vulnerabili, come gli anziani, generando così la percezione che la popolazione generale non sia a rischio di ondate di calore“, ha detto Cedeño-Laurent in una nota.

Sapere quali siano i rischi tra le diverse componenti della popolazione è fondamentale, considerando che in molte città, come Boston, si prevede un aumento del numero di ondate di calore a causa dei cambiamenti climatici“.

I dati dello studio sono stati raccolti in 12 giorni consecutivi: cinque con temperature estive normali (15-31 °C) seguite da cinque giorni eccezionalmente caldi (28-36 ° C) e da due meno calde (28 °C). Le prestazioni cognitive giornaliere sono state valutate tramite un test di Stroop e una sfida di addizione / sottrazione visiva che i soggetti hanno completato sui loro telefoni dopo essersi svegliati e prima di lasciare le camere da letto. Per escludere altri fattori che potrebbero influire sull’energia cerebrale, agli studenti è stato chiesto di indossare biosensori per monitorare l’attività generale e il sonno. I monitor di ciascun dormitorio, inoltre, hanno registrato la temperatura interna, l’umidità, i livelli di rumore e i livelli di anidride carbonica.

Gli studiosi ritengono che, di fronte all’aumento delle temperature globali, edifici e case a temperatura moderata saranno una necessità per la salute pubblica.

I nostri risultati sottolineano l’importanza di includere misure di adattamento sostenibili negli edifici per preservare i risultati scolastici, la produttività economica e la sicurezza alla luce di un clima che cambia“.

Commenti