Dorme meglio chi scrive la lista delle cose da fare prima di andare a letto

Sei un fan delle liste di cose da fare (note anche come to do list)? Potresti avere un vantaggio, perché potrebbero migliorare il tuo sonno, secondo un nuovo studio.

0

Sei un fan delle liste di cose da fare (note anche come to do list)?

Potresti avere un vantaggio, perché potrebbero migliorare il tuo sonno, secondo un nuovo studio.

I ricercatori della Baylor University (Texas, Stati Uniti d’America) hanno recentemente condotto un esperimento, pubblicato sul Journal of Experimental Psychology, per determinare se la scrittura prima di addormentarsi possa essere collegata a un sonno migliore.

Viviamo in una cultura 24/7 in cui le nostre liste di cose da fare sembrano essere in costante crescita e ci preoccupano i compiti incompleti prima di andare a letto“, ha detto l’autore principale dello studio, Michael K. Scullin, in un comunicato stampa.

La maggior parte delle persone passa semplicemente in rassegna mentale le liste di cose da fare e così abbiamo voluto capire se l’atto di scriverle possa contrastare le difficoltà notturne ad addormentarsi“.

Per fare ciò, sono stati esaminati 57 studenti universitari, divisi in due gruppi.

A un gruppo è stato chiesto di annotare tutto ciò che dovevano fare il giorno successivo o nei giorni successivi, all’altro è stato chiesto di scrivere a proposito dei compiti completati nei giorni precedenti. Quindi, tutti i partecipanti sono stati istruiti per andare a letto subito dopo quelle sessioni di scrittura di cinque minuti.

Dopo aver analizzato i risultati, i ricercatori hanno scoperto che quelli che hanno scritto le liste di cose da fare si sono addormentati con una media di 9 minuti più veloce rispetto a quelli che hanno annotato le cose che avevano già fatto.

Più specificamente i partecipanti che hanno scritto la lista delle cose da fare, più velocemente si sono addormentati“, hanno affermato gli autori dello studio.

La tendenza opposta è stata osservata quando i partecipanti hanno scritto circa le attività completate“.

Gli scienziati hanno notato che il loro studio era piccolo e potrebbe essere migliorato con più soggetti. Tuttavia, credono che le loro scoperte siano forti.

Ci sono due scuole di pensiero su questo“, ha detto Scullin. “Una sostiene che scrivere sul futuro porterebbe a una maggiore preoccupazione per le attività non completate e ritardi il sonno, mentre l’inserimento nel diario delle attività completate non dovrebbe innescare preoccupazioni. L’altra ipotesi è che scrivere una lista di cose da fare ‘scarica’ ​​quei pensieri e riduce la preoccupazione“.

Commenti