21enne palestrato ucciso dall’influenza, non era vaccinato

La morte collegata all'influenza di un 21enne statunitense che voleva fare l'istruttore di fitness è una prova agghiacciante che il virus può uccidere chiunque.

0
67

La morte collegata all’influenza di un 21enne statunitense che voleva fare l’istruttore di fitness è una prova agghiacciante che il virus può uccidere chiunque.

Si chiamava Kyler Baughman e aveva il naso che cola e un leggero colpo di tosse quando andò a trovare la sua famiglia per le vacanze natalizie.

Lo abbiamo visto il 23 dicembre e abbiamo notato che non si sentiva bene“, ha detto la madre Beverly Baughman all’NBC.

Suo figlio, un bodybuilder che stava studiando per diventare un personal trainer, ha presto avuto la febbre e ha avvertito il peggioramento di altri sintomi. Il 24 dicembre il ragazzo è stato trasferito in un ospedale in elicottero, dove è morto nel giro di un giorno.

Causa del decesso: “Insufficienza d’organo dovuta allo shock settico causato dall’influenza“, ha spiegato la madre.

La donna ha raccontato che suo figlio non aveva ricevuto una vaccinazione antinfluenzale.

La morte del ragazzo non è stata l’unica negli Stati Uniti a causa dell’influenza.

Kyler Baughman

Nel Tennessee, una donna incinta è morta ed è una delle quattro persone dello Stato che hanno perso la vita a causa del virus. Le altre tre vittime erano bambini.

La morte di Kyler Baughman esorta a ricordare che ogni anno giovani e sani muoiono a causa dell’influenza.

Secondo il Centers for Disease Control and Prevention, il primo e più importante passo per proteggersi dai virus dell’influenza è la vaccinazione.

Anche se solo parzialmente efficace, il vaccino antinfluenzale può ridurre la gravità dei sintomi se qualcuno si ammala.

La maggior parte dei bambini che sono morti di influenza negli ultimi anni non sono stati vaccinati contro il virus, secondo uno studio dello scorso anno da parte dei ricercatori del CDC.

Il rapporto ha rilevato che almeno tre quarti dei bambini deceduti per influenza tra il 2010 e il 2014 non erano stati vaccinati nei mesi precedenti la malattia.

In un nuovo studio, pubblicato questa settimana, i ricercatori hanno scoperto che le persone a cui sono stati somministrati vaccini antinfluenzali ogni anno avevano meno probabilità di morire o finire in ospedale.

Lo studio su persone di età superiore a 65 anni – che hanno più probabilità di morire a causa dell’influenza – ha dimostrato che la vaccinazione ripetuta era due volte più efficace nel prevenire le gravi complicanze dell’influenza.

Eppure, molte persone temono le vaccinazioni antinfluenzali perché credono erroneamente che possa causare più danni che benefici.

L’influenza è raramente un’emergenza ma i medici chiedono ai genitori di portare i bambini al pronto soccorso se hanno questi sintomi:

  • Respirazione veloce o difficoltosa;
  • Pelle bluastra;
  • Se non bevono liquidi o non possono essere risvegliati.

Anche gli adulti necessitano di assistenza medica immediata se hanno:

  • Difficoltà a respirare o mancanza di respiro;
  • Dolore o pressione nel torace o nell’addome;
  • Vertigini improvvisi o confusione;
  • Vomito grave.

 

Commenti