15enne muore dopo aver mangiato un biscotto. Ecco perché

Si chiamava Alexi Stafford. L'appello su Facebook della madre.

0
7038
Alexi Stafford

Una mamma sta chiedendo a Chips Ahoy di sistemare la confezione di un prodotto dopo che sua figlia di 15 anni è morta per uno shock anafilattico dovuto all’aver mangiato inconsapevolmente un biscotto al burro di arachidi.

Kellie Travers-Stafford ha scritto su Facebook che sua figlia, Alexi, era a casa di un amico il 25 giugno scorso e ha preso un biscotto da un pacchetto Chips Ahoy. Alexi soffriva di una grave allergia alle arachidi ma credeva che i biscotti nella confezione rossa andassero bene per lei.

Ha mangiato un biscotto pensando che fosse sicuro per via della confezione ‘rossa’ solo per scoprire troppo tardi che c’era un ingrediente aggiunto… patatine al burro di arachidi“, ha scritto la donna.

Alexi è andata dritta a casa dopo la sensazione di “formicolio in bocca” e le sue condizioni sono peggiorate con l’andare del tempo fino allo scatenarsi dello shock anafilattico che le ha impedito di respirare, uccidendola un’ora e mezzo dopo il consumo del biscotto.

Ora, Kellie vuole che l’azienda produttrice del biscotto aggiunga altre etichette di avvertenza alla confezione e che i colori siano cambiati.

Come una madre che le ha insegnato diligentemente le basi di ciò che andava bene ingerire e cosa no, mi sento persa e arrabbiata perché mia figlia conosceva i suoi limiti ed era consapevole della confezione familiare, sapeva che era sicura”, ha scritto Kellie.

L’azienda madre di Chips Anoy, Mondelēz International, ha dichiarato a People di essere “molto rattristata per quanto successo. Prendiamo le allergie molto sul serio e tutti i nostri prodotti sono etichettati in maniera chiara sul pannello informativo della confezione per quanto concerne principali allergeni alimentari negli Stati Uniti. Il colore dell’imballaggio è uno spunto per la trama del prodotto (es., Chewy, Chunky, Original) e non è indicativo della presenza di allergeni […] Incoraggiamo sempre i consumatori a leggere l’etichetta sull’imballaggio quando acquistano e consumano uno qualsiasi dei nostri prodotti per ottenere informazioni sugli ingredienti del prodotto, inclusa la presenza di allergeni“.

La donna ha dichiarato di volere avvertire gli altri consumatori del pericolo potenziale per chi soffre di allergie.

Commenti