Vaccino Johnson&Johnson, “la trombosi? Condizione grave e pericolosa”

Secondo il dott. Tom Shimabukuro del CDC, la trombosi è una condizione che deve essere considerata ma...

Un’analisi della CNN dimostra che il rischio di morire per Covid-19 è 40 volte maggiore il rischio di sviluppare una rara condizione di coagulazione del sangue dopo aver ricevuto il vaccino Johnson&Johnson.

Osservazioni a confronto: il rischio di trombosi è alto?

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno dichiarato mercoledì di aver ricevuto segnalazioni di 28 persone che hanno sviluppato una rara sindrome da coagulazione del sangue su 8,7 milioni trattati con il vaccino contro il coronavirus Janssen di J&J. Tre di loro sono morti a causa della condizione nota come trombosi con sindrome da trombocitopenia (TTS).

I dati della Johns Hopkins University sono stati messi in relazione con il rischio di contrarre TTS dopo aver ricevuto il vaccino Janssen ed è stato evidenziato come nel periodo di tempo dal 2 marzo al 7 maggio più di 2,2 milioni di persone sono state diagnosticate con Covid-19 e più di 43.000 sono morte.

Quelli emersi sono dati schiaccianti: è più facile morire per il Covid-19 che per la somministrazione del vaccino J&J.

Le possibilità che una persona vaccinata con il vaccino J&J sviluppi la TTS sono inferiori a una su 300.000, secondo i dati del CDC.

Il CDC ha affermato che TTS è plausibilmente collegato al vaccino Janssen di J&J, ma ha anche affermato che i benefici del vaccino superano comunque il rischio. Tutti i casi sono stati osservati in persone di età compresa tra 18 e 59 anni.

La maggior parte di questi casi di TTS si verificano nella fascia di età 30-49 anni“, ha detto il dott. Tom Shimabukuro del CDC a una riunione del Comitato consultivo per le pratiche di immunizzazione del CDC.

La complicanza data dal vaccino non deve essere sottovalutata, deve essere riconosciuta e trattata prontamente dai medici, non si può – ad oggi – prevedere chi può sviluppare la trombosi con sindrome da trombocitopenia.

La TTS è una condizione rara, clinicamente grave e pericolosa per la vita“, conclude Shimabukuro.