Uomo aveva 1894 monete nello stomaco senza saperlo

Le monete ingerite dall'uomo.

Il caso di un 51 anni giapponese descritto sulla rivista Acute Medicine & Surgery e raccontato anche su Le Monde è tra i più insoliti mai documentati dalla scienza medica.

Quest’uomo, che soffre di depressione da diversi anni, si è recato in un centro medico di Tokyo, lamentando uno stato di affaticamento e la perdita d’appetito.

Durante la visita, il medico ha scoperto che la pancia del paziente era contratta e dolorosa.

I raggi X hanno poi mostrato la presenza di numerosi corpi estranei radiopachi raggruppati in una massa enorme a livello dello stomaco. Perciò, l’uomo è stato ricoverato d’urgenza.

I medici, intervenendo chirurgicamente, hanno così scoperto un grande mucchio di monete nello stomaco e un altro bloccato nell’esofago. Tale ‘tesoro’ ha causato una perforazione della parte anteriore dello stomaco.

I raggi x del paziente.

I chirurgi sono riusciti, quindi, ad estrarre tutti i corpi estranei e a riparare la parte anteriore dello stomaco.

In totale, i medici hanno estratto 1894 pezzi dal corpo del giapponese per un peso totale di 8,076 kg.

In dettaglio, il paziente aveva 135 euro al suo interno: 140 pezzi di 1 yen, 99 pezzi di 5 yen, 1642 monete di 10 yen, 8 pezzi di 50 yen e 5 pezzi di 100 yen.

Ciò che ha portato al ritardo della diagnosi è stato il fatto che la maggior parte delle monete ingerite erano di 10 yen che contengono solo il 3% di zinco, per cui non c’è stato alcun avvelenamento da zinco o rame.

Perché quell’uomo aveva così tante monete dentro di sé e non lo sapeva?

Se questo sembra improbabile, tutto questo è tipico nei pazienti che soffrono di pica, un disturbo alimentare caratterizzato dall’ingestione di sostanze non commestibili come terra, sabbia, carta, plastica, gesso, cenere di sigaretta, ecc.

Questo comportamento è stato a volte osservato nei bambini dai 6 mesi in su e scompare nel tempo. Diventa patologico quando persiste e provoca anemia. Ad esempio, ciò è stato osservato in adolescenti e giovani adulti che mangiavano i propri capelli, lana o altre fibre.

Il caso di questo paziente giapponese, tuttavia, è patologico. Dopo la sua operazione, gli è stata diagnosticata la schizofrenia ed è stato ricoverato in psichiatria.