Uno studio su due milioni di bambini ha scoperto cosa davvero causa l’autismo

0

Spesso si ha la sensazione che ogni due settimane compaia un nuovo articolo che afferma di aver trovato la vera causa dell’autismo, che si tratti di inquinamento atmosferico, di un’infezione virale o di un vaccino (tra l’altro, una correlazione spesso smentita dalla scienza).

Ma il più grande studio del suo genere, che ha coinvolto oltre due milioni di bambini in cinque Paesi, ha rimarcato che la genetica è in realtà il più grande fattore di rischio nello sviluppo del disturbo dello spettro autistico (ASD: Autism Spectrum Disorders).

Pubblicato su JAMA Psychiatry, in uno studio è stato evidenziato che il disturbo dello spettro autistico è per l’81% dipendente dai geni ereditati, mentre i fattori ambientali rappresentano meno del 20% del rischio. Fattori materni – come il peso della madre, se ha la sindrome dell’ovaio policistico, se il bambino è nato da un parto cesareo, ecc. – hanno avuto un impatto “inesistente o minimo” sullo sviluppo dell’ASD.

Per raggiungere queste conclusioni, lo studio ha esaminato le cartelle cliniche di oltre 2 milioni di bambini nati in Danimarca, Finlandia, Svezia, Israele e Australia occidentale tra il 1998 e il 2011. Il team internazionale di ricercatori ha seguito i partecipanti fino all’età di 16 anni, da quel momento oltre 22mila sono stati diagnosticati con l’ASD.

Come spesso accade, la realtà della condizione è molto più complessa di quanto non possa sembrare. L’ASD non può mai essere attribuita a un’unica causa ed è molto probabilmente il risultato di una serie di fattori interconnessi. Ciò significa che i fattori ambientali possono svolgere un ruolo influente anche se i ricercatori non sono ancora certi su quali siano concretamente i più significativi (sebben, giusto ribadirlo, non ne facciano parte i vaccini).

Allo stesso modo, gli scienziati non sono pienamente consapevoli delle interazioni geniche specifiche che possono contribuire all’ASD anche se c’è una quantità crescente di ricerche in questa direzione.

Anche se le famiglie sono più preoccupate dei fattori di rischio ambientale, la realtà è che i fattori genetici svolgono un ruolo molto più ampio“, ha dichiarato Andrew Adesman, direttore della pediatria evolutiva e comportamentale presso il Cohen Children’s Medical Center di New Hyde Park, non coinvolto nello studio.

I fattori ambientali giocano un ruolo più piccolo ma importante“, ha aggiunto. “Ciò non significa che possiamo ignorare completamente i fattori di rischio ambientale e la loro interazione con i fattori di rischio genetici“.

Questa non è stata l’unica volta, come sottolineato su Iflscience.com, in cui la ricerca ha indicato che l’autismo può essere ampiamente spiegato dalla genetica. La ricerca sui gemelli si è dimostrata particolarmente utile per determinare l’ereditabilità dell’ASD: uno studio del 2016 ha suggerito che lo sviluppo dell’ASD è del 64-91% dovuto alla genetica.

Commenti