Un’analisi del sangue per prevedere il rischio di morte di 10 anni

Il test è stato sviluppato da un team di ricercatori olandesi. I dettagli.

0

Nessuno può prevedere il futuro con certezza. Ma un nuovo esame del sangue sviluppato da un team di ricercatori olandesi potrebbe essere in grado di determinare il rischio di morte nei prossimi 10 anni. Un’informazione che potrebbe rivelarsi molto utile per gli scienziati ma che nessuno vorrebbe sapere.

Per svilupparlo, come si apprende da Maxisciences.com, i biologi hanno fatto affidamento sui dati sanitari di 44.168 europei di età compresa tra i 18 e i 109 anni e hanno identificato nel loro sangue 14 biomarcatori legati alla mortalità per tutte le cause.

Questi biomarcatori migliorano significativamente la previsione del rischio di mortalità a 5 e 10 anni, rispetto ai fattori di rischio convenzionali di tutte le età“, hanno affermato i ricercatori.

Questi risultati suggeriscono che la profilazione dei biomarcatori metabolici potrebbe essere potenzialmente utilizzata nella gestione dei pazienti“, hanno affermato.

Tuttavia, saranno necessari ulteriori studi per dimostrare l’affidabilità di questo esame del sangue, che attualmente ha un tasso di certezza dell’83%. “È un primo passo molto entusiasmante ma non è ancora pronto“, hanno dichiarato i ricercatori.

Più che per ‘prevedere’ il futuro, lo scopo di questo test è prevenire una guarigione migliore. Perché, nonostante i rapidi progressi della medicina, troppe persone stanno ancora morendo a causa del trattamento troppo tardivo: “se possiamo identificare gli anziani vulnerabili attraverso queste misurazioni del sangue, il prossimo passo sarà quello di anticipare le cure” .

Commenti