Una tazza di caffè in più può danneggiare il tuo ritmo cardiaco?

Molte le teorie contrastanti, bere molto caffè può causare aritmie? Una ricerca australiana sembra aver dato una risposta decisiva.

Molte le teorie contrastanti, bere molto caffè può danneggiare il tuo ritmo cardiaco? Una ricerca australiana sembra aver dato una risposta decisiva.

Una tazza in più di caffè? Cosa rivelano gli studi

Bere un sorso in più di caffè ti crea senso di colpa? Hai paura di accelerare il tuo battito cardiaco? Indubbiamente di teorie al riguardo ne avrai sentite, alcune saranno state smentite, altre validate. Potresti essere entusiasta nel leggere di un nuovo studio australiano che confuta l’idea che caffè e tè aumentino la frequenza delle aritmie cardiache.

Lo studio è dettagliato in una recensione pubblicata su JACC: Journal of the American College of Cardiology.

C’è una percezione pubblica, spesso basata su esperienze aneddotiche, che la caffeina sia un comune innesco acuto per i problemi del ritmo cardiaco“, ha affermato Peter Kistler, MBBS, PhD, autore principale della revisione e direttore dell’elettrofisiologia presso l’Alfred Hospital e Baker Heart. e Diabetes Institute di Melbourne, Australia.

La nostra ampia revisione della letteratura medica suggerisce che non è così“, afferma.

Qual è l’associazione tra l’assunzione di caffeina e i suoi effetti sulle aritmie atriali e ventricolari?

Gli autori hanno determinato che la caffeina non ha alcun effetto sulle aritmie ventricolari (VA). Consumare fino a 500 mg al giorno (equivalenti a sei tazze di caffè) non ha aumentato la gravità o il tasso di AV.

Solo due studi hanno mostrato un aumento del rischio di VA, in cui i pazienti hanno ingerito rispettivamente almeno 10 tazze e 9 tazze al giorno.

Il dato sorprendente dagli studi condotti dai ricercatori è che le persone che bevono caffè regolarmente potrebbero effettivamente avere meno aritmie: da due a quattro tazze al giorno fanno bene al cuore, i bevitori regolari di caffè che hanno una minore incidenza di insufficienza cardiaca, malattie coronariche e problemi del ritmo cardiaco.

Non ci sono prove chiare che il caffè sia dannoso, anche se ognuno è diverso e se le persone sentono che il caffè esacerba i sintomi, allora è ragionevole ridurlo o evitarlo“, ha detto Kistler.