Un nuovo modo di piangere: un robot con il volto di un amato scomparso

Lo scopo è aiutare l'elaborazione del lutto. L'idea proviene dal Giappone.

0
DigitalShamanProject

È un concetto che viene direttamente dal Giappone.

Digital Shaman offre la possibilità di sostituire una persona cara che è scomparsa da un robot.

Il creatore del progetto, Etsuko Ichihara, ha avuto questa idea dopo la morte di sua nonna.

La sua idea: l’umanoide utilizzato ha una maschera stampata in 3D che rappresenta il volto della persona in questione. Per il rendering realistico, coloro che sono interessati a questa esperienza devono incontrare Etsuko Ichihara nella loro vita.

L’artista registra, quindi, le caratteristiche fisiche del candidato e i messaggi che desidera comunicare post-mortem. Il programma sarà disponibile per i parenti della persona quando quest’ultimo muore.

Saranno, quindi, imitati i gesti, la parola e la personalità del defunto.

Attenzione – evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” – la vita della macchina è breve: 49 giorni, che corrisponde al periodo di lutto in Giappone“.

Commenti