Covid-19, cosa può fare un cocktail di anticorpi Regeneron?

Un cocktail di anticorpi di Regeneron ha la capacità di ridurre il rischio di ospedalizzazione e morte per Covid-19 del 70%.

  • I risultati di uno studio clinico di fase 3 mostrano che il cocktail di anticorpi di Regeneron ha la capacità di ridurre il rischio di ospedalizzazione e morte per COVID-19 del 70%.
  • Il trattamento ha anche accorciato la durata dei sintomi del COVID-19 di 4 giorni.
  • I due anticorpi funzionano in modo simile agli anticorpi che il sistema immunitario produce naturalmente per combattere il coronavirus.

Secondo un comunicato stampa del 23 marzo, un cocktail di anticorpi di Regeneron ha la capacità di ridurre il rischio di ospedalizzazione e morte per Covid-19 del 70%.

Il cocktail di anticorpi Regeneron e la sua efficacia

Regeneron è un’azienda statunitense di biotecnologia e biofarmaceutica attiva nell’ambito della ricerca, sviluppo e commercializzazione di farmaci.

Il 23 marzo, tramite un comunicato stampa, hanno affermato che il loro trattamento farmacologico con anticorpi monoclonali può ridurre il ricovero e la morte per COVID-19 del 70%.

Non solo, il trattamento ha anche ridotto la durata dei sintomi del COVID-19 in media di 4 giorni.

Regeneron inizialmente prevedeva di avere 750.000 dosi disponibili entro giugno. Se le dosi più basse sono approvate per l’uso, l’azienda potrebbe potenzialmente produrre 1,25 milioni per allora.

Il trattamento è stato dato all’ex presidente Donald Trump poco dopo aver contratto il coronavirus nell’ottobre 2020. Le condizioni di Trump sono migliorate subito dopo aver ricevuto il trattamento.

Il trattamento con anticorpi Regeneron, a cui è stata concessa l’autorizzazione all’uso di emergenza per i gruppi ad alto rischio nel novembre 2020, è la terza combinazione di anticorpi ora disponibile negli Stati Uniti.

Un trattamento che migliora significativamente le condizioni da Covid-19

Le nuove scoperte provengono dallo studio di fase 3 di Regeneron, che è il più grande studio clinico fino ad oggi che ha valutato un trattamento Covid-19 in persone che hanno Covid-19 ma che non sono ricoverate in ospedale.

Lo studio ha incluso 4.567 persone che hanno recentemente sviluppato Covid-19 ed erano ad alto rischio di malattie gravi.

Secondo quanto riferito, la dose di 2.400 mg ha ridotto il rischio di ospedalizzazione e morte del 71%. La dose da 1.200 mg ha ridotto il rischio di ospedalizzazione del 70%.

Regeneron prevede di richiedere alla Food and Drug Administration di approvare il dosaggio inferiore, che potrebbe aiutare a incrementare l’offerta.

La combinazione di anticorpi ha inoltre ridotto in media la durata dei sintomi di 4 giorni.

Tuttavia, alcuni trattamenti con anticorpi monoclonali sono stati associati a esiti peggiori quando somministrati a persone ospedalizzate per Covid-19 che richiedono ossigeno o ventilazione meccanica, quindi in fase avanzate della malattia.

Come funziona il trattamento Regeneron?

Il trattamento contiene due farmaci anticorpi neutralizzanti, casirivimab e imdevimab. Viene somministrato attraverso una vena.

I due anticorpi funzionano in modo simile agli anticorpi che il sistema immunitario produce naturalmente per combattere il coronavirus.

Gli anticorpi si attaccano alla proteina spike del coronavirus e impediscono che si attacchi alle nostre cellule, ha spiegato la dottoressa Debra Powell, responsabile delle malattie infettive di Tower Health.

Combattendo la capacità del virus di legarsi alle nostre cellule, il trattamento con anticorpi può migliorare i sintomi del COVID-19 e prevenire il peggioramento della malattia.

Il trattamento funziona meglio se somministrato prima nel corso della malattia, idealmente entro 10 giorni dallo sviluppo dei sintomi.

“L’idea è di fermare il virus prima ancora che diventi un problema”, ha detto la dottoressa Melissa Fiorini, medico di medicina d’urgenza al St. Peter’s Hospital di New York.

Il farmaco è destinato a persone a rischio di ricovero o morte.

Alla prima vista dei sintomi, Fiorini ha detto che le persone ad alto rischio di COVID-19 grave dovrebbero essere testate e trattate il prima possibile.

Le varianti potrebbero resistere agli anticorpi monoclonali?

I risultati pubblicati da Regeneron il 23 marzo affermano che “le varianti virali circolanti di SARS-CoV-2 possono essere associate alla resistenza agli anticorpi monoclonali”.

Gli anticorpi monoclonali sono progettati per neutralizzare la proteina spike, che è dove esistono molte delle mutazioni delle varianti.

Le prime prove suggeriscono che il trattamento con anticorpi di Regeneron ha mantenuto la sua potente capacità neutralizzante contro le varianti.

Test di laboratorio hanno scoperto che il trattamento con anticorpi di Regeneron regge contro le varianti, inclusa la variante B.1.1.7 rilevata per la prima volta nel Regno Unito e la variante B.1.351 identificata per la prima volta in Sud Africa.

“Imdevimab ha mantenuto la sua potenza contro questa variante [B.1.351], e sebbene la potenza di casirivimab fosse ridotta, era ancora paragonabile alla potenza che altri singoli anticorpi in fase di sviluppo hanno contro il virus originale”, ha detto Powell.

La variante rilevata in Brasile, chiamata 1.1.248, ha le stesse mutazioni della variante B.1.351, quindi il trattamento con Regeneron dovrebbe rimanere altrettanto efficace, secondo Powell.

Regeneron sta continuando a testare il trattamento contro le varianti, inclusa la variante rilevata in Brasile.

LEGGI ANCHE: Covid-19, chi è stato il primo medico a scoprire il coronavirus?